Vai al contenuto

Che cos’è la Particella di Dio?

Il Bosone di Higgs- Che cos'è la particella di Dio? Sorprendersi con Dio

È qualcosa di talmente piccolo da essere quasi invisibile, eppure ha svolto un ruolo fondamentale nei primi istanti della Creazione: senza il Bosone di Higgs la materia non esisterebbe!

Abbiamo parlato di Creazione come atto d’amore di Dio: un’emanazione fuoriuscita dal Creatore, che si è condensata, dando forma all’universo così come oggi lo conosciamo. Da quel momento il tempo iniziò a scorrere e lo spazio ad esistere.

Una decina di anni fa, una scoperta gettò scompiglio negli ambienti scientifici e religiosi: il Cern di Ginevra confermò l’esistenza del Bosone di Higgs, altrimenti noto come “Particella di Dio”. Pensa che Peter Higgs (Premio Nobel 2013 insieme a François Englert) teorizzò questa particella nel 1964, ma ci vollero 50 anni per trovarla.

Perché è così importante e cosa c’entra con il Big Bang? Sappi che, se oggi tu esisti e se il mondo attorno a noi ha l’aspetto che ha ora, lo dobbiamo al Bosone di Higgs (e a Dio che lo ha creato). Non sarebbero mai nate le stelle, né i pianeti, non ci sarebbero né acqua, né aria, né terra. Tutto sarebbe rimasto pura energia, senza materia.

La fisica ci consente di indagare che cosa accadde in un istante vicinissimo al Big Bang. Tieniti forte, perché arriveremo fino a 10ˉ¹² secondi dopo la nascita di tutto!

Quello che sarebbe poi diventato il nostro universo, in quell’istante così vicino alla Creazione, era qualcosa di molto diverso da oggi: la sostanza caldissima che stava invadendo tutto lo spazio era così calda ed accelerata dall’esplosione primordiale, che si muoveva alla velocità della luce. Ma, come Einstein ci ha insegnato, nessun oggetto dotato di massa può raggiungere la velocità della luce. Così, tutto quello che esisteva in quell’istante era energia pura, senza massa. Abbiamo detto che “Dio è luce” (1Gv 2,5). Amore puro. Ti sorprende il collegamento? Espandendosi, l’universo si raffreddò progressivamente e le particelle iniziarono ad interagire con il campo di Higgs: attraversandolo, rallentavano la loro corsa e, per così dire, si “materializzavano”.

Il primo passo verso l’universo che conosciamo fu un’esplosione di energia (di amore) che penetrava attraverso ad un “minestrone” fatto di Bosoni di Higgs!

Possiamo concludere che la fisica ha dimostrato l’esistenza di Dio? Forse no, almeno non direttamente. È indubbio, però, che abbiamo fatto un altro passo nel confermare la presenza di un ordine nell’universo. Un disegno tanto preciso che sembra quasi assurdo negare l’esistenza della mano che lo ha tracciato: “l’orologiaio”, Dio, il Creatore, l’amore da cui è scaturita ogni cosa. No, non dirmi che è solo frutto del caso!

Alessandro Ginotta

L’articolo è stato pubblicato su: “Il Corriere della Valle”, n. 32, 1 settembre 2022

il Bosone di Higgs: Che cos'è la Particella di Dio?
il Bosone di Higgs: Che cos’è la Particella di Dio?

Sì, voglio ricevere i commenti al Vangelo di La buona Parola sulla mia e-mail!

Iscriviti ora, è completamente gratuito e potrai cancellarti in ogni momento. Ogni mattina riceverai i commenti al Vangelo sulla tua e-mail

Continua a leggere