L'immagine di oggi è “La Trasfigurazione”, affresco di Beato Angelico, 1440 circa, 189×159 cm, Museo nazionale di San Marco, Firenze

Vuoi essere felice, o preferisci avere sempre ragione?

Download PDF

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 12,1-8)

In quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle.
Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato». Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: “Misericordia io voglio e non sacrifici”, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Parola del Signore

Gv 12,44-50

Ecco l’uomo saccente che vuole addirittura insegnare a Dio come rispettare la Legge. Sono 10 i Comandamenti che Dio consegnò a Mosè sul Monte Sinai, ma, con il tempo, scribi e farisei hanno aggiunto precetti nel tentativo di codificare ogni cosa, ogni comportamento, ogni occasione. Così, ai tempi di Cristo, la Legge era diventata un labirinto di codici, difficili da rispettare tutti insieme: “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci” (Mt 23,13). Sulla Legge, tra Gesù e farisei c’è scontro aperto.

Tuttavia Gesù ha anche detto: “Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento” (Mt 5,17). Ma allora questa Legge vale o non vale? Il sabato si possono raccogliere le spighe per mangiarle? Si può guarire un paralitico il sabato? 

San Paolo scrive: “In lui anche siete stati insieme risuscitati per la fede nella potenza di Dio […] Con lui Dio ha dato vita anche a voi, che eravate morti per i vostri peccati e […], perdonandoci tutti i peccati, annullando il documento scritto del nostro debito, le cui condizioni ci erano sfavorevoli. Egli lo ha tolto di mezzo inchiodandolo alla Croce” (cfr. Colossesi 2,12-15). E ancora: “Ora però siamo stati liberati dalla legge” (Romani 7,6). “Non siete più sotto la legge, ma sotto la grazia” (Romani 6,14).

Gesù è venuto per portare a compimenoto la legge: il verbo greco che troviamo in questo passo è: “pleròo” che possiamo rendere anche come “valorizzare”. E questo ha fatto Gesù! Ha valorizzato la Legge Mosaica traducendo le centinaia di precetti nell’essenziale, il comandamento nuovo, più importante di tutti, quello che tutti li riassume: il comandamento dell’amore!

Al dottore della legge che gli chiese quale fosse il più grande comandamento Gesù rispose: “Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti” (Mt 22,36-40). Rispettare tutti i precetti è difficile? Eccolo il comandamento che “porta a compimento” la Legge: l’amore!

L’amore è più forte della Legge. Il perdono è più forte dell’odio. La vita è più forte della morte.

Misericordia io voglio e non sacrifici” (v. 7). Dobbiamo pensare alla nostra trave e non cercare la pagliuzza nell’occhio del vicino. Dobbiamo perdonare i nostri nemici e non accusarli. Dobbiamo aprire le porte del Regno dei Cieli e non richiuderle davanti agli uomini. “Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato” (v. 8).

Concludo con le parole di Papa Francesco: “Misericordia io voglio”, cioè la lealtà di un cuore che riconosce i propri peccati, che si ravvede e torna ad essere fedele all’alleanza con Dio. “E non sacrificio”: senza un cuore pentito ogni azione religiosa è inefficace! Gesù applica questa frase profetica anche alle relazioni umane: quei farisei erano molto religiosi nella forma, ma non erano disposti a condividere la tavola con i pubblicani e i peccatori; non riconoscevano la possibilità di un ravvedimento e perciò di una guarigione; non mettevano al primo posto la misericordia: pur essendo fedeli custodi della Legge, dimostravano di non conoscere il cuore di Dio! È come se a te regalassero un pacchetto con dentro un dono e tu, invece di andare a cercare il dono, guardi soltanto la carta nel quale è incartato: soltanto le apparenze, la forma, e non il nocciolo della grazia, del dono che viene dato! (Papa Francesco, Udienza Generale 13 aprile 2016).

Cari amici, le domande che oggi vi propongo (e mi propongo) sono: Come mi comporto: guardo anch’io solo la forma, oppure ci metto dentro il cuore? Ho sempre ragione io… (e basta) oppure sono disposto ad ascoltare, capire e perdonare? E ancora (questa è di attualità “pungente”): Sono forse anch’io un po’ fariseo? Mi interessa di più da che parte dell’Altare si celebra la Messa, oppure lodare e dimostrare il mio amore a Dio?

Questa notte, Gesù, Ti affido tutti i miei amici e le persone che conosco!  Non permettere che si paralizzino di fronte a norme e consuetudini senza senso… Fa’ che il loro cuore sia sempre aperto e che siano sempre in grado di compiere scelte di misericordia e di amore!

#Santanotte amici miei! 🙂 🙂 🙂

L'immagine di oggi è “La Trasfigurazione”, affresco di Beato Angelico, 1440 circa, 189×159 cm, Museo nazionale di San Marco, Firenze
L’immagine di oggi è “La Trasfigurazione”, affresco di Beato Angelico, 1440 circa, 189×159 cm, Museo nazionale di San Marco, Firenze

Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!