La sfida di raccontare la bellezza della famiglia

La sfida di raccontare la bellezza della famiglia

Download PDF

“La sfida che oggi ci interpella è quella di reimparare a raccontare la bellezza della famiglia”. E’ il messaggio lanciato da Emma Ciccarelli, Vice-Presidente del Forum delle associazioni familiari in un convegno che si è tenuto all’Università Europea di Roma.

Il tema dell’incontro, organizzato dai Circoli Culturali Giovanni Paolo II,  è stato “Ripartire dalla famiglia per un cammino di speranza”.

“Sono convinta  – ha detto Emma Ciccarelli – che oggi il dibattito sulla famiglia non si può comprendere se non si tiene conto che esiste un ampio divario tra il paese reale, paese legale e paese virtuale, tra come è e come viene percepito tale soggetto.

I dati di realtà ci dicono che le persone, e i giovani  mettono al primo posto tra i loro desideri da realizzare la famiglia e dei figli. Tuttavia abbiamo un paese che materialmente non crea le condizioni per rendere possibile tale desiderio.

La politica è sempre meno territoriale e meno legata alla soluzione di problemi concreti e sempre più arroccata su posizioni ideologiche e ai sentiment della rete. Non si mette in ascolto, ma parla con monologhi e basta, la comunicazione è solo ad un verso. E’ questo il paese virtuale che vive sulle idee.

La realtà del quotidiano – e in questa la famiglia in primis – invece si gioca sulle relazioni concrete, su sguardi, strette di mano, pacche sulla spalla e abbracci.  Nel quotidiano uomini e donne di buona volontà, si adoperano per agevolare incontri, costruire ponti di dialogo, abbattere muri di silenzio, in casa, nel quartiere, sul lavoro e nell’associazionismo.

Dobbiamo uscire da sterili contrapposizioni ideologiche e tornare ad essere concreti e vicini alla gente. La famiglia non è una squadra per cui tifare (concetto ideologico) ma una realtà da rendere possibile.

Il forte divario tra paese percepito e paese reale va ridotto e vanno accorciate le distanze, altrimenti si rischia una schizofrenia sociale”.

Secondo Alberto Gambino, Pro-Rettore dell’Università Europea di Roma, “ripartire dalla famiglia significa scrivere pagine nuove per l’intera società. Non a caso, nell’Esortazione postsinodale Amoris laetitia, Papa Francesco ha scritto che il bene della famiglia è decisivo per il futuro del mondo e della Chiesa.

Nella famiglia possiamo trovare una costante testimonianza d’amore nella vita quotidiana, che illumina il mondo attraverso azioni semplici ed ordinarie. Non sono miracoli o azioni spettacolari, ma piccoli gesti della gente comune, che possono rappresentare un esempio significativo per tutti, diffondendo un sentimento di ottimismo e di speranza per il domani”.

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!