Vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.

Vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.

Download PDF

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 14,27-31)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate. Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il prìncipe del mondo; contro di me non può nulla, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco».

Parola del Signore

Gv 12,44-50La pace di Cristo. “Non come la dà il mondo” (v. 27).

Non è l’assenza di guerra, quella pace subdola e ipocrita con la quale le nazioni si trastullano tra un conflitto e l’altro. Non è quel torpore informe, quella nebbia cieca, quell’oblio vacuo in cui il demonio, il “principe del mondo“, vorrebbe imprigionarci per anestetizzare le nostre coscienze, per distrarci e farci a poco a poco scivolare in un mondo senza fede. In un mondo senza speranza. Solo le nostre più sordide passioni, solo la cupidigia, solo i nostri sensi, solo il nostro io e niente Dio.

Questa è la pace del mondo. Oh sì, perché pur di ingannarci il demonio è capace anche di offrirci un surrogato di pace. Una facciata, dietro la quale le nazioni potranno perpetrare indisturbate le loro ingiustizie. Una falsa pace il cui unico risultato sarà l’incrementare le differenze tra le classi sociali, scavare un baratro tra ricchi e poveri, innalzare un muro tra nord e sud del mondo.

Divide et impera. E` la strategia del demonio. Metterci l’uno contro l’altro. Subdolamente. Silenziosamente. Finché questa falsa pace non crollerà su se stessa. Allora egli, il principe del mondo, potrà portare a termine il suo disegno ultimo: la distruzione del genere umano.

Ma Gesù ha un altro piano. “Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore” (v. 27). Il principe del mondo contro di Lui non può nulla. Dobbiamo restare saldi nella fede. Non praevalebunt. Le tenebre non prevarranno: “Tu sei Pietro, e sopra questa roccia io edificherò la mia chiesa e le porte dell’inferno non la potranno vincere” (Mt. 16,18). L’evangelista Giovanni lo scrive anche nella sua prima lettera: “Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede” (1Gv 5,4).

La fede sconfigge il demonio. Lo ribadisce anche San Giacomo: “Resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi” (Gia 4,7).  Rimaniamo dunque saldi nella fede. Non dobbiamo temere perchè il Nemico è forte soltanto in misura della nostra paura.

Quando l’invidia fa breccia nel nostro cuore, quando l’odio si sostituisce all’amore, quando la cupidigia si fa strada nel nostro cuore, allora è il momento di pregare il Signore: “Non lasciarci soccombere alla tentazione!”.

Amici, quando ci succederà… proviamo a resistere alla tentazione ricorrendo alla grande forza della preghiera? Proviamo a chiedere aiuto a Gesù, anzichè porgere l’orecchio al principe del mondo?

Restiamo dalla parte di Gesù, che “è il più forte”! Se faremo così, pian piano ci rafforzeremo e… il diavolo fuggirà da noi!

Termino con queste righe bellissime tratte dalla lettera di San Paolo agli efesini. Le leggiamo insieme? Prendete l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno cattivo e restare saldi dopo aver superato tutte le prove. State saldi, dunque: attorno ai fianchi, la verità; indosso, la corazza della giustizia; i piedi, calzati e pronti a propagare il vangelo della pace. Afferrate sempre lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutte le frecce infuocate del Maligno; prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio. In ogni occasione, pregate con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, e a questo scopo vegliate con ogni perseveranza e supplica per tutti i santi. (Ef 6,13-18)

Questa notte, Gesù, io ti affido tutti i miei amici e le persone che conosco. Proteggili dal male!

#Santanotte amici miei! 🙂 🙂 🙂

Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.

Il dipinto di oggi è “Le tentazioni di Cristo”, del pittore olandese Ary Scheffer, olio su tela, 1854, Walker Art Gallery, Liverpool

Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!