Università e solidarietà: un aiuto per gli studenti in difficoltà

Università e solidarietà: un aiuto per gli studenti in difficoltà

Facebook
Twitter
Youtube
Youtube
Flipboard
Follow by Email
RSS

L’Università Europea di Roma ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali ma che orienti lo studente ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri.

Con questa ispirazione ogni giovane viene seguito giorno dopo giorno. Ma durante questo percorso può accadere che le situazioni familiari degli studenti mutino e diventino difficili.

Può succedere che eventi drammatici  come lutti, malattie o perdite del lavoro di un genitore rendano difficile proseguire gli studi.

L’Università Europea di Roma non vuole lasciare indietro nessuno.

E’ in questi momenti che entra in azione la solidarietà, perché la generosità è nell’identità di questo ateneo. Non a caso il suo motto è “Vince in bono malum”: un invito a vincere il male con il bene.

Senza un sostegno concreto, i giovani che vivono situazioni di difficoltà rischiano di abbandonare gli studi e di rinunciare ai loro sogni di futuro.

Le donazioni ricevute attraverso il 5 x 1000 servono a sostenere questi studenti in difficoltà.

E’ possibile sottoscrivere la quota del 5 x 1000 sui modelli di dichiarazione dei redditi: CU2017, Mod. 730 2017 o Unico 2017.

Si può firmare nell’apposito riquadro “Finanziamento della ricerca scientifica e della università” inserendo il Codice Fiscale dell’Università Europea di Roma 08447281000

Per ulteriori informazioni:

https://www.universitaeuropeadiroma.it/dona-il-5×1000-a-uer/

COPYRIGHT © 2022 Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo blog sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore 633/41 e 248/00. É vietata la copia senza espressa autorizzazione. Se desideri trascrivere un breve stralcio sui social ti chiediamo di indicare sempre l'autore ed inserire un link alla pagina di provenienza invitando a proseguire la lettura sul blog LabuonaParola. Per favore non copiare l'intera pagina. Grazie!