Educare alla pace

Una cultura di dialogo per educare alla pace

Download PDF

Giovedì 19 aprile 2018, alle 13.30, all’Università Europea di Roma, via degli Aldobrandeschi 190, si terrà una tavola rotonda sul tema “Una cultura di dialogo per educare alla pace”, con testimonianze dei volontari e degli studenti dell’Università di Roma che hanno partecipato alle Scuole della Pace, iniziativa di solidarietà della Comunità di Sant’Egidio.

Le Scuole della Pace sono dei centri, completamente gratuiti, che si qualificano come un ambito familiare che sostiene il bambino nell’inserimento scolastico, aiuta la famiglia nel suo compito, proponendo un modello educativo aperto agli altri, solidale verso i più sfortunati, capace di superare barriere e discriminazioni.
Sono animati da volontari che affiancano i bambini nel percorso educativo.

Gli studenti dell’Università Europea di Roma partecipano alle Scuole della Pace nell’ambito delle attività sociali dell’ateneo, che ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali, ma che orienti lo studente ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri.

Alla tavola rotonda del 19 aprile interverranno: Gabriella Richichi, responsabile della Scuola della Pace di zona Roma Aurelio, Hugues Leandre Koffi Konan, della Comunità di Sant’Egidio – Costa d’Avorio, Padre Nicola Tovagliari LC, cappellano dell’Università Europea di Roma, Carlo Climati, direttore del laboratorio di comunicazione “Non sei un nemico!” e alcuni studenti dell’università che hanno partecipato alle Scuole della Pace.

Nell’incontro sarà presentato anche il libro “Alla Scuola della Pace”, che raccoglie 50 anni di amicizia della Comunità di Sant’Egidio con i bambini nel mondo.

Un libro per ascoltare la voce di migliaia di bambini del mondo globale. Le loro domande, i loro desideri, le scoperte, la voglia di futuro. Uno strumento per dare risposte e ricevere un messaggio. La cultura del dialogo e dell’incontro è necessaria: educare alla pace costituisce un grande investimento sul futuro, perché imparare a vivere insieme, in pace, sugli orizzonti del mondo è un processo lungo e impegnativo.

Dal Salvador al Malawi, passando per Buenos Aires fino a Napoli, questo libro ripercorre la storia dell’amicizia tra tanti giovani e i bambini, attraverso l’esperienza delle Scuole della Pace della Comunità di Sant’Egidio, presenti in oltre settanta Paesi.

Descrive l’azione nelle periferie umane ed esistenziali del mondo globale e si sofferma sul loro particolare metodo educativo, disegnando un itinerario che può essere di aiuto e riflessione per educatori, insegnanti e quanti si trovano accanto ai bambini a diverso titolo.

La presentazione del libro vuole essere un’occasione per raccontare un’esperienza di vita e incontro con tanti piccoli a Roma e nel mondo, educandoli alla pace e alla convivenza in un mondo globale.

Sant'EgidioCento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!