Un concerto alla memoria del commissario Luigi Calabresi nel 45° anniversario della morte

Un concerto alla memoria del commissario Luigi Calabresi nel 45° anniversario della morte

Download PDF

Il 17 maggio a Roma un concerto omaggerà la memoria del commissario Luigi Calabresi, il martire cristiano assassinato 45 anni fa

“Da due anni sono sotto questa tempesta e non potete immaginare cosa ho passato e cosa sto passando. Se non fossi cristiano, se non credessi in Dio non so come potrei resistere”. Assassinato vilmente il 17 maggio 1972 a Milano la figura del commissario Luigi Calabresi oggi resta nelle memorie di tutti grazie alla sua fiducia nella giustizia e alla sua grande fede in Dio, per questa ragione nel 45° anniversario della sua morte la Sacra Fraternitas Aurigarum, nella persona di don Ennio Innocenti, che gli fu padre spirituale, ha organizzato un Concerto in sua memoria. Mercoledì 17 maggio presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma dalle ore 21.00 sarà eseguito, in prima assoluta e alla presenza di Autorità civili e militari e degli studenti delle Università e dei licei di Roma, un Oratorio Drammatico, vocale e strumentale, diretto dal compositore e direttore d’orchestra Nicola Samale ed eseguito dal soprano Carla Mazzarella, dal mezzo soprano Natasha Todorova, dal tenore Vincenzo Sanso (che interpreterà il ruolo di Luigi Calabresi) e dal baritono Dario Ciotoli (che di volta in volta vestirà i panni di Papa Pio XII, di Padre Virginio Rotondi, di San Giovanni Paolo II).

L’opera presenta lo spirito cristiano e caritatevole del giovane Luigi, il quale sin da ragazzino si prese cura dei più piccoli con gioiosa fraternità. Arrivato all’Università, Calabresi si orientò sempre più verso l’apostolato cristiano entrando poi in rapporto con padre Virginio Rotondi, il fondatore del movimento “Oasi” che dal 1950 ad oggi ha raccolto settantamila giovani. Concepire la vita come un servizio per amore era il primo insegnamento di padre Rotondi ed è da questo che si consolidò sempre più la fede cristiana di Luigi che presto diventò per gli altri giovani un leader carismatico che vedevano in lui una speranza e una promessa.

Un concerto alla memoria del commissario Luigi Calabresi nel 45° anniversario della morte
Calabresi è stato proclamato servo di Dio dalla Chiesa cattolica, che lo considera martire per la giustizia e le cui qualità cristiane furono riconosciute da Papa Paolo VI il quale in un telegramma datato 20 maggio 1972 e inviato al cardinale Giovanni Colombo, al tempo arcivescovo di Milano, dichiarò l’assassinio come un’offesa a “ogni elementare ed umano senso di giustizia e di onore della civile convivenza”. San Giovanni Paolo II, invece, lo definisce “testimone del Vangelo e eroico difensore del bene comune”. Nel 2007 don Ennio Innocenti ha avanzato per primo la richiesta di un provvedimento canonico di verifica delle virtù cristiane di Luigi Calabresi, dopo avere ottenuto il sostegno del cardinale Camillo Ruini. “La fama del suo eroismo cristiano – scrisse il porporato nel 30° anniversario della morte di Calabresi – lungi dall’appannarsi in questi trent’anni, si è estesa e si è consolidata con testimonianze, studi e ripetute argomentazioni di laici, di sacerdoti e di Vescovi. Nulla osta, pertanto, che venga proposto, secondo le regole, al Tribunale diocesano competente, l’esame canonico delle sue virtù, che già il Santo Padre Giovanni Paolo II indicava come esemplari”. Anche i cardinali Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, Fiorenzo Angelini, Angelo Comastri e Angelo Bagnasco hanno espresso la loro ammirazione per la persona del commissario Calabresi.

Un concerto alla memoria del commissario Luigi Calabresi nel 45° anniversario della morte

La fede cristiana gli fu di conforto nel periodo in cui era sotto accusa per la morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli, tanto che il commissario confessò a Giampaolo Pansa: “Da due anni sto sotto questa tempesta e lei non può immaginare cosa ho passato e cosa sto passando. Se non fossi cristiano, se non credessi in Dio non so come potrei resistere”.

Per l’occasione del 45° anniversario del sacrificio dell’eroico commissario Luigi Calabresi il 17 maggio, a margine dell’Oratorio Drammatico, a tutti i partecipanti saranno donati una preziosa medaglia di bronzo, coniata appositamente dall’orafo scultore Alberto Zucchetta e il volume “Luigi Calabresi. Il Santo. Il Martire” curato da don Ennio Innocenti e per il quale Papa Francesco ha benevolmente espresso il suo più vivo interessamento.

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!