Senza curare i servizi il sud non cresce

Senza curare i servizi il sud non cresce

Download PDF

Aereo in overbooking, il Presidente della Società di San Vincenzo De Paoli resta a terra. Ad attenderlo oltre 150 persone per un incontro a favore dei poveri.

Nell’Italia che si appresta ad entrare nel 2017 può capitare che un volo da Napoli a Reggio Calabria si trasformi in un incubo e che, per giungere alla destinazione scelta, si debba addirittura passare per Milano, accumulando così un ritardo di oltre 4 ore.

Sull’aereo in partenza da Napoli la mattina del 12 dicembre c’erano soltanto 165 posti, ma i passeggeri prenotati erano 171. Così gli ultimi in fila, proprio coloro che per educazione avevano preferito non accalcarsi per salire a tutti i costi a bordo tra i primi, sono dovuti rimanere a terra. Tra questi c’era il dottor Antonio Gianfico, Presidente nazionale della Società di San Vincenzo De Paoli, atteso a Reggio Calabria da oltre 150 persone per partecipare ad un incontro programmatico a favore dei poveri.

“In primo luogo – ha osservato Gianfico –  non c’è un collegamento diretto tra i due aeroporti ed è necessario uno scalo intermedio a Roma. Oltre a questo, che è già un primo disagio, il volo Napoli-Roma non aveva posti sufficienti. Il Sud non cresce. Non si può sperare in uno sviluppo di una zona senza curare i servizi”.

C’è un legame strettissimo tra il ritardo economico di un territorio e il suo isolamento. Ed a causare l’isolamento non è soltanto la distanza, ma il tempo necessario per spostare persone e merci da un luogo all’altro. La carenza delle infrastrutture e dei servizi scoraggia industrie ed investitori aggravando il problema della disoccupazione e della povertà.

Proprio quella povertà che migliaia di volontari vincenziani ogni giorno si impegnano a combattere portando aiuti alle famiglie in difficoltà. Ed erano moltissimi i volontari ad attendere a Reggio Calabria l’arrivo del loro Presidente.

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!