Per non dimenticare padre Viroche. La giornata studio sul narcotraffico alla Lumsa, a sei mesi dall’omicidio

Download PDF

Una giornata di studio alla Lumsa, oggi 6 aprile, sul narcotraffico e la tratta, a 6 mesi dalla morte di padre Juan Viroche, il parroco trovato impiccato il 5 ottobre scorso nella sua chiesa a La Florida, nello stato provinciale di Tucuman, in Argentina. Padre Viroche era impegnato contro crimini che tolgono il futuro alle giovani generazioni nelle periferie del Sud America, e aveva annunciato ai media locali di aver presentato una denuncia che indicava in alcuni politici e amministratori locali i capi di una banda che rapiva e faceva prostituire le ragazze nei night.

La sera prima di morire il sacerdote l’aveva trascorsa con un gruppo di giovani in quella stessa chiesa ed era assolutamente sereno quando li ha salutati e abbracciati, hanno raccontato i ragazzi. Ma la gendarmeria e la magistratura locale hanno subito imboccato la strada del suicidio, contro ogni evidenza, a cominciare dai segni delle percosse che sono stati fotografati sul corpo del sacerdote al momento dei rilievi, e dalla rottura di una statua del Cristo morto che gli inquirenti hanno spiegato come il risultato di una crisi di rabbia di padre Juan, che deciso a farla finita, avrebbe voluto sfogarsi così prima di compiere una serie di spostamenti di mobili per poi salire su una panca rovesciata e impiccarsi.

“Sappiamo tutti che non è andata così, come ben comprende la gente che ha incontrato il padre Juan. Nel trascorrere dei mesi si tenta sempre più di contaminare l’immagine nobile del sacerdote, per far dimenticare il dovere di cercare i veri colpevoli”, replicano i parrocchiani. “Un sacerdote che ha combattuto così duramente per i poveri e i tossicodipendenti non può fermare la sua lotta per stringersi una corda intorno al collo”, spiegano. “Al governo locale non conviene che si scopra la verità perché fa affari con i narcos”, sottolinea un altro amico di Viroche. E in effetti sono facilmente rilevabili gli intrecci tra la politica e la criminalità comune in quella provincia, dove gli stessi boss controllano il traffico della droga e la tratta delle ragazze.

Per non dimenticare padre Viroche. La giornata studio sul narcotraffico alla Lumsa, a sei mesi dall'omicidio

Promosso dal quotidiano on line FarodiRoma.it – che nella sua edizione spagnola ha pubblicato una cinquantina di servizi su questa vicenda ed ha un sito dedicato alla figura di padre Juan, “viroche.org” – l’incontro della Lumsa vuole mantenere accesi i riflettori sull’accaduto perché non si arrivi a d un’archiviazione di comodo. All’incontro parteciperanno giornalisti, magistrati ed esperti, ai quali si aggiungerà in teleconferenza il parlamentare di Buenos Aires Gustavo Vera il quale è convinto che la morte del sacerdote è stata un omicidio pianificato dai più alti livelli dell’intelligence, ancora legati agli amici del dittatore Videla. “Siamo certi – ha spiegato Vera – che dal gennaio dello scorso anno l’Intelligence Agency federale (AFI) ha installato una base operativa a Tucuman. Vera ha presentato un dossier con le informazioni da lui recapitate al procuratore federale Paul Camuna. “Si tratta di una notevole quantità di dati che dimostrano quale sviluppo abbia raggiunto la narco-criminalità nella zona di Florida e Delfin Gallo, le due comunità affidate a padre Viroche. Una diffusione che chiama in causa sia i criminali che si occupano della vendita della droga che altre persone che non possono giustificare la loro crescita economica”. Inoltre, al procuratore, Gustavo Vera ha passato informazioni specifiche sul perché dopo l’omicidio ci sia voluto così tanto tempo per ottenere il corpo dall’obitorio: si è cercato di cancellare i segni delle percosse inflitte a padre Juan prima di appenderlo svenuto al lampadario della sua chiesa per simularne il suicidio. Vera ha detto anche di aver informato Papa Francesco sulle sue iniziative e che il Pontefice, a Santa Marta, ha nello scrittoio le foto del corpo di Viroche segnate dalle percosse che testimoniano il furore con il quale è stato ucciso.Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!