Vai al contenuto

Il miracolo della nascita di Giovanni Battista

Che cos’è un miracolo?

La storia di Zaccaria ed Elisabetta ci insegna che non bisogna mai perdere la speranza perché “nulla è impossibile a Dio. Perché ci sono momenti particolari in cui Dio sospende il corso delle leggi fisiche per introdurre delle eccezioni: i miracoli

Il mio in(solito) commento a:
Nascita di Giovanni Battista (Lc 1,57-66)

La storia di Zaccaria ed Elisabetta ci insegna che non bisogna mai perdere la speranza perché “nulla è impossibile a Dio”. Ma quale speranza stavano perdendo? Dobbiamo ricordare che, presso il popolo di Israele, così come accade per molte altre popolazioni dello stesso periodo storico, per una coppia sposata, non avere figli era considerata una disgrazia. Il Vangelo ci dice che entrambi i coniugi erano avanti negli anni ed Elisabetta era sterile. La sterilità veniva additata come causa di vergogna e disonore (cfr. Genesi 30,23 ; 1Samuele 1,5-8) perché non permette di tramandare il proprio nome. Una condizione che veniva considerata un castigo (cfr. 2Samuele 6,23 ; Osea 9,11) ed equivaleva a essere maledetti da Dio.

Nell’Antico Testamento troviamo altre situazioni simili: quella di Anna, la madre del profeta Samuele, colui che unse Davide re di Israele; quella di Sara, moglie di Abramo e madre di Isacco; quella di Rachele, moglie di Isacco e madre di Giacobbe. La Bibbia tace poi su un’altra sterilità di cui ci parla ampiamente la letteratura apocrifa: quella di Anna e Gioacchino, i genitori della Vergine Maria. Anche a loro l’Arcangelo Gabriele annuncerà separatamente la nascita di una bambina che avrebbe cambiato i destini del mondo. A Samuele, Isacco, Giacobbe, Maria, Giovanni Battista, figli di genitori sterili, spetteranno ruoli fondamentali per lo sviluppo della fede. Ciascuno di loro ha lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’umanità. Eppure, nessuno di loro, stando alle leggi di natura, sarebbe dovuto nascere.

Ci sono momenti particolari in cui Dio sospende il corso delle leggi fisiche per introdurre delle eccezioni: i miracoli, interruzioni momentanee di quel flusso costante di equazioni e variabili che descrive la normalità della natura, sono istanti in cui l’amore di Dio sovverte ogni regola. Perché il sentimento che Dio prova per noi è incontenibile e straborda ben oltre la normalità. Quando l’amore è vero, questo cresce e nel tempo dà frutto. Zaccaria ama profondamente Elisabetta. San Luca apre la sua narrazione parlando di questa coppia toccata dalla grazia procreatrice di Dio, per mostrare come Egli operi meraviglie nelle vite di quanti confidano in Lui e sanno attendere e aspettare i tempi del Suo intervento. Questi due grandi Santi ci insegnano pure che un cuore che ama veramente sperimenta la potenza del Signore, non in base ai propri progetti, ma secondo la volontà di Lui che è sempre sovrana e alla quale ci si deve abbandonare con fede incondizionata.

Il ruolo di Elisabetta, dunque, contro ogni previsione, è quello di essere la madre di colui che sarà destinato a preparare la via a Gesù: Giovanni il Battista. Elisabetta sente dentro di sé questa grazia come sente la vita crescerle nel grembo, quella vita che le sussulta dentro alla visita inaspettata della cugina Maria. Anche lei ha ricevuto l’annuncio dell’angelo al quale ha immediatamente detto sì; anche lei è piena di grazia. È l’incontro tra due donne che portano in grembo la storia della salvezza.

Che cosa impariamo da questo brano di Vangelo? Prima di tutto che non dobbiamo disperare mai, ma dobbiamo conservare fede e fiducia in Dio che, al momento opportuno, per amore, è pronto anche a sconvolgere le leggi della natura e permettere i più impensati dei miracoli. Nulla e nessuno può fermare l’amore di Dio!

Non è sorprendente? Proprio quando tutto sembra perduto, la luce sfolgorante di Dio può scacciare anche le più profonde delle tenebre e riportare la luce nella vita degli uomini. Perché nulla è impossibile a Dio! #Santanotte

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “Madonna con Bambino e San Giovannino”, di Fra Bartolomeo (Bartolomeo di Paolo del Fattorino), 1497, olio e foglia d’oro su tavola, 58.4 x 43.8 cm, The Metropolitan Museum of Art, New York

Scopri di più da La buona Parola

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Scopri di più da La buona Parola

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continua a leggere