Vai al contenuto

Lasciamo parlare lo Spirito del Padre nostro

Lasciamo parlare lo Spirito del Padre nostro

Perché perdersi in mille parole? Avrei potuto scrivere un commento lungo pagine su questo brano, ma in fondo, tutto quello che serve è qui:

il mio in(solito) commento al Vangelo di (Matteo 10,16-23)

Non è sempre facile la vita del cristiano. Gesù ci ha avvisati: “Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi…” (v. 16). Nel mondo ci sono cristiani perseguitati. E anche qui, nella nostra Europa, non sempre tutto è rose e fiori: talvolta le “persecuzioni” sono quelle mediatiche di una certa retorica anticristiana. Non dobbiamo temere il male, perchè Dio è sempre con noi, anche nei momenti più difficili, anche quando tutto sembra perduto, Lui è qui e ci guida verso la strada migliore. Lo Spirito Santo parla ai nostri cuori e, se lo sapremo ascoltare, nelle difficoltà parlerà anche attraverso la nostra bocca.

Una parola breve per ricordarci che senza Dio non siamo nulla. Più ci sforziamo di essere autosufficienti e meno risultati otteniamo. Dobbiamo accogliere la sua volontà, lasciarci guidare da Lui, senza per forza voler fare di testa nostra. E Dio ci scamperà anche dai pericoli peggiori. Perfino quando ci troveremo come pecore in un mondo di lupi. Ma anche in quel caso non saremo mai indifesi, perché Dio è con noi! #Santanotte

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “Cristo coronato di spine” di Matthias Stom, 1633, olio su tela, 110.8 x 161 cm, Norton Simon Museum, California

Vuoi ricevere il commento al Vangelo di La buona Parola direttamente nella tua e-mail?

Iscriviti ora alla newsletter: è gratis e potrai cancellarti in ogni momento

Continua a leggere