Vai al contenuto

Dio c’è ed esiste davvero!

Sì, Dio c'è. Esiste davvero!

Qualche volta ci parla a parole, ma, molto più spesso, Dio ci parla attraverso le sensazioni.

Il mio in(solito) commento a:
Quando lo sposo sarà loro tolto, allora digiuneranno (Matteo 9,14-15)

Scrive Sant’Ignazio di Loyola: “è proprio dello spirito cattivo rimordere, rattristare, porre difficoltà e turbare con false ragioni, per impedire di andare avanti; invece è proprio dello spirito buono dare coraggio ed energie, consolazioni e lacrime, ispirazioni e serenità, diminuendo e rimovendo ogni difficoltà, per andare avanti nella via del bene” (Esercizi Spirituali, 315). Di fatto, il Male, cerca di strapparci Dio. Cancellarlo dal nostro futuro. Convincendoci della sua distanza, del fatto che noi non gli interessiamo. Il Male vorrebbe spingerci perfino a pensare che Dio non esista affatto.

Prosegue Sant’Ignazio: “Così l’anima s’inclina alla sfiducia, è senza speranza e senza amore, e si
ritrova pigra, tiepida, triste e come separata dal suo Creatore e Signore”
(Esercizi Spirituali, 317). Però non tutto è perduto: “Chi si trova nella desolazione si sforzi di conservare la pazienza, che si oppone alle sofferenze che patisce; e pensi che presto sarà consolato” (Esercizi Spirituali, 321).

La fede è un pilastro fondamentale per la nostra anima. Senza di essa si spegnerebbe, piano piano, la luce che Dio stesso vi ha posto dentro. E tutto diverrebbe triste e buio. È proprio questo che desidera il Maligno. Ma la fede, amici cari, non è neppure un cieco ottimismo. Non è neanche negare l’evidenza ed essere intimamente certi che non dovremo mai affrontare alcun problema.

I problemi esistono. Talvolta anche gravi e la a fede non li cancella. Ma ci offre la speranza. La speranza che qualcosa possa migliorare. La speranza, oserei dire la certezza, che, anche nel dolore e nella disgrazia, Dio resti accanto a noi.

Gesù stesso ci ha dato una grande lezione di speranza, dall’alto della sua croce, alla quale fu inchiodato. Lì, dove esalò l’ultimo respiro, ci stava insegnando la cosa più importante: cioè che anche la notte più buia, quella in cui Cristo morì, finisce all’alba di un nuovo giorno, là, dove il buio della morte, lascia lo spazio alla luce della Risurrezione.

Sembrava tutto perduto, quando quella lancia trafisse il costato di Gesù e scese l’oscurità su tutta la terra. Ma poi la pietra venne rotolata dal sepolcro. E’ questa la fede che dobbiamo sempre conservare nel cuore della nostra anima: la speranza che possa accadere qualcosa di straordinario, qualcosa in grado di cambiare i destini della nostra vita, qualcosa che possa spazzare via, in un istante, tutto il dolore che ora proviamo. Non dobbiamo perderla questa speranza! Non dobbiamo permettere che il Maligno ce la rubi!

Proviamo, allora, ad ascoltare lo spirito buono ed a dimenticare quello cattivo. Che cosa ci dice? Che noi non siamo soli, ma abbiamo sempre accanto Gesù!

È bello sentire Dio vicino a noi nella preghiera. Chi non ne ha mai fatto esperienza? Quante volte, mentre siamo davvero concentrati e con il cuore contrito rivolgiamo le nostre più accorate preghiere, riusciamo a percepire una risposta? Un’idea che, tutto d’un tratto, dopo una intensa preghiera, si fa strada nella nostra mente. Un’intuizione che ci permette di risolvere un problema che ci impensieriva.

Ecco uno dei tanti modi in cui Dio ci parla. Qualche volta ci parla a parole, ma, molto più spesso, Dio ci parla attraverso le sensazioni. Come quando ci approcciamo alla preghiera in preda alla disperazione e percepiamo, pian piano, la forte consolazione della presenza di Gesù.

D’un tratto il nodo che chiude il nostro stomaco si scioglie e noi, attraverso la preghiera, troviamo proprio quelle forze che ci servivano per affrontare la difficoltà. Dio ci parla. Dio è con noi. Solo che, tante volte, in mezzo al rumore di un mondo sempre più votato all’egoismo ed all’individualismo, sempre più preda dello spasmodico desiderio di primeggiare ad ogni costo, non ci è facile udirlo. Leggiamo nel libro di Giobbe: “Dio infatti parla in un modo o nell’altro, ma l’uomo non ci bada” (Giobbe 33,14).

Sì, Dio ci parla, ma noi, troppe volte, non lo ascoltiamo. Nel cuore di Dio arde il desiderio di parlare con noi, di mettersi in contatto con le sue creature. Cara amica, caro amico, Dio vuole avere un rapporto con te, vuole parlarti. E forse lo sta facendo proprio adesso, attraverso queste righe. O lo sta facendo attraverso la lettura di un brano di quella Bibbia che hai appena posato sul tuo comodino. O tramite le parole del sacerdote che ha celebrato la Santa Messa. Oppure ancora per mezzo delle parole dei più saggi tra i tuoi amici e conoscenti.

Dio esiste ed in questo momento è con noi. Ce lo ha promesso: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Matteo 28,20). Lui cammina con noi e noi camminiamo insieme a Lui. E, per quanto le difficoltà ci possano far sentire come naufraghi su di una zattera che si perde tra i flutti del mare in tempesta, Dio è in mezzo a noi. Anche allora. Anche nel pericolo. Anche nella disperazione. Basta saperlo ascoltare.

Allora dillo a quell’essere malvagio che sussurra parole di tenebra alla tua anima: non qui e non ora. Non è il momento della desolazione, perché è ancora il tempo della speranza!

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “La Trinità”, di Guido Reni, 1625,  olio su tela, cm. 564 × 301, Roma, chiesa della Trinità dei Pellegrini

Sì, voglio ricevere i commenti al Vangelo di La buona Parola sulla mia e-mail!

Iscriviti ora, è completamente gratuito e potrai cancellarti in ogni momento. Ogni mattina riceverai i commenti al Vangelo sulla tua e-mail

Continua a leggere