Che cosa faceva Dio prima di Creare il mondo?

Che cosa faceva Dio prima di Creare il mondo?

Facebook
Twitter
Youtube
Youtube
Flipboard
Follow by Email
RSS

Oggi ci addentreremo in un big-bang d’amore

Il mio in(solito) commento a:
Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori perché si convertano (Lc 5,27-32)

Come possiamo immaginarci Dio? L’evangelista San Giovanni ci insegna che “Dio è amore” (1Giovanni 4,8). L’amore è l’essenza stessa di Dio. Ma com’è Dio? Noi sappiamo che Dio abita contemporaneamente in ogni luogo ed in ogni tempo. E’ onnipotente, sconfinato, illimitato. Per aiutare la nostra fantasia possiamo togliere un po’ di cose attorno che ci potrebbero confondere: eliminiamo tutto il resto, pensiamo solo a Lui. Portiamo indietro l’orologio… e andiamo con la fantasia all’istante immediatamente precedente la Creazione: c’è soltanto Dio e il nulla attorno a Lui.

Come lo vediamo? I nostri occhi imperfetti lo possono solo intuire, ma certo possiamo pensare che Dio, che è amore, già amasse. Ma chi e che cosa amava se ancora non esisteva nulla fuori di Dio? Noi sappiamo bene che Dio non è egoista. E allora proviamo a chiudere gli occhi e ad immaginare questo torrente impetuoso di amore che pulsa e si espande sempre di più, fino a fuoriuscire. Eccola, la Creazione spiegata con gli occhi dell’amore: L’amore, che è Dio stesso, doveva uscire per avere qualcuno da amare fuori di sé. E Dio creò il mondo. La Creazione è un’emanazione dell’amore di Dio. Un sentimento talmente forte che si concretizza e si materializza. Tutto si muove grazie a questo amore. Il nostro cuore pulsa per l’amore di Dio, il sole sorge per l’amore di Dio… la natura sboccia rigogliosa per l’amore di Dio. Il grano che cresce nei campi, la rondine che si alza in cielo, un bambino che nasce… tutto è espressione di quell’incontenibile sentimento che è il suo amore!

Questo sentimento, che scorre costantemente come un flusso che parte da Dio e raggiunge il mondo, raggiunge ogni essere vivente con una carezza. Ma non fermiamoci qui: gli uomini sono cresciuti e si sono moltiplicati, la storia è andata avanti. Ed anche l’amore di Dio ha continuato a crescere. Serviva un altro modo per consentire a Dio di mostrarci il suo incontenibile sentimento. E così l’amore è di nuovo fuoriuscito da Dio, e si è fatto uomo:

Gesù, Figlio di Dio, l’amore di Dio che si fa Carne, per essere ancora più vicino alle sue creature. Per vivere insieme a loro. Cristo è sceso sulla terra per camminare con noi. Per soffrire accanto a noi. Per guarirci. Per salvarci. Per caricarsi sulle sue spalle i nostri peccati, dal più piccolo al più terribile, fino al peggiore di tutti i tempi: la sua stessa messa a morte. Su questa immagine dell’Amore-Carne-Dio-con-noi, riapriamo gli occhi e torniamo al nostro tempo. Ma non dimentichiamo di sentirlo vicino, perché ancora oggi, Dio è con noi e condivide le nostre sofferenze ed anche le nostre gioie. Guardiamo meglio: eccolo prendere per mano noi peccatori, risollevarci e rimetterci in piedi. Eccolo perdonare i nostri errori. Darci una nuova occasione. Ecco Gesù!

#Santanotte amici. Dio, che è amore, riempia sempre il vostro cuore e vi indichi sempre il cammino che porta verso il bene. Dio vi benedica!

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “Dio Padre”, di Giovanni Battista Cima da Conegliano, 1510, olio su tavola, 31.7×40.6 cm, Samuel Courtauld Trust, Londra

COPYRIGHT © 2022 Tutti i diritti riservati. I contenuti di questo blog sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore 633/41 e 248/00. É vietata la copia senza espressa autorizzazione. Se desideri trascrivere un breve stralcio sui social ti chiediamo di indicare sempre l'autore ed inserire un link alla pagina di provenienza invitando a proseguire la lettura sul blog LabuonaParola. Per favore non copiare l'intera pagina. Grazie!