Ogni vita è sacra!

Ogni vita è sacra!

Download PDF

All’Angelus la preghiera del Papa per i bambini “in pericolo d’interruzione della gravidanza” e per le persone “che stanno alla fine della vita”.

“Ogni vita è sacra!”. Sono parole scandite a chiare lettere – quasi scolpite – quelle pronunciate dal Papa, affacciato alla finestra dell’Angelus, nella domenica in cui si celebra la Giornata per la Vita: “Portiamo avanti la cultura della vita come risposta alla logica dello scarto e al calo demografico; stiamo vicini e insieme preghiamo per i bambini che sono in pericolo d’interruzione della gravidanza, come pure per le persone che stanno alla fine della vita”.

“Ogni vita è sacra” ha ripetuto ancora Francesco, citando Santa Teresa di Calcutta: “La vita è bellezza, ammirala; la vita è vita, difendila!”, perché nessuno sia lasciato solo e l’amore difenda il senso della vita. “Sia col bambino che sta per nascere, sia con la persona che è vicina a morire: ogni vita è sacra!”.

Parole dirette anche a noi

In queste domeniche la liturgia ci propone il cosiddetto Discorso della montagna, nel Vangelo di Matteo. Dopo aver presentato domenica scorsa le Beatitudini, oggi mette in risalto le parole di Gesù che descrivono la missione dei suoi discepoli nel mondo (cfr Mt 5,13-16). Egli utilizza le metafore del sale e della luce e le sue parole “sono dirette ai discepoli di ogni tempo, quindi anche a noi”.

“Gesù – ha commentato il Papa – ci invita ad essere un riflesso della sua luce, attraverso la testimonianza delle opere buone. E dice: «Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli» (Mt 5,16)”. Queste parole sottolineano che noi siamo riconoscibili come veri discepoli di Colui che è la Luce del mondo, non nelle parole, ma dalle nostre opere. Infatti, è soprattutto il nostro comportamento che, nel bene e nel male, lascia un segno negli altri.

Il Papa all’Angelus: Nessuna condanna a morte durante il Giubileo
Il compito affidatoci da Gesù

Abbiamo un compito e una responsabilità per il dono ricevuto: “la luce della fede, che è in noi per mezzo di Cristo e dell’azione dello Spirito Santo, non dobbiamo trattenerla come se fosse nostra proprietà”. Siamo invece chiamati a “farla risplendere nel mondo”, a “donarla agli altri mediante le opere buone”. “E quanto ha bisogno il mondo della luce del Vangelo che trasforma, guarisce e garantisce la salvezza a chi lo accoglie! Questa luce noi dobbiamo portarla con le nostre opere buone”.

La luce della nostra fede, donandosi, “non si spegne ma si rafforza”. Invece può venir meno “se non la alimentiamo con l’amore e con le opere di carità”.

Pakistan. Papa Francesco: Violenza e odio conducono solamente alla distruzione.
Al tempo di Gesù non c’erano i frigoriferi

Così l’immagine della luce s’incontra con quella del sale. La pagina evangelica, infatti, ci dice che, come discepoli di Cristo, siamo anche “il sale della terra”. Il sale è un elemento che, mentre dà sapore, preserva il cibo dall’alterazione e dalla corruzione “al tempo di Gesù non c’erano i frigoriferi!”.

Pertanto, la missione dei cristiani nella società è quella di dare “sapore” alla vita con la fede e l’amore che Cristo ci ha donato, e nello stesso tempo di “tenere lontani i germi inquinanti dell’egoismo, dell’invidia, della maldicenza, e così via”. Questi germi “rovinano il tessuto delle nostre comunità”, che devono invece risplendere come luoghi di accoglienza, di solidarietà, di riconciliazione.

Per adempiere a questa missione “bisogna che noi stessi per primi siamo liberati dalla degenerazione corruttrice degli influssi mondani, contrari a Cristo e al Vangelo”; e questa purificazione non finisce mai, “va fatta continuamente, va fatta tutti i giorni!”.

Il Papa: oggi più che mai abbiamo bisogno di pace
Sale e luce nella vita quotidiana

Ognuno di noi è chiamato ad essere luce e sale nel proprio ambiente di vita quotidiana, perseverando nel compito di rigenerare la realtà umana nello spirito del Vangelo e nella prospettiva del regno di Dio. “Ci sia sempre di aiuto la protezione di Maria Santissima, prima discepola di Gesù e modello dei credenti che vivono ogni giorno nella storia la loro vocazione e missione. La nostra Madre ci aiuti a lasciarci sempre purificare e illuminare dal Signore, per diventare a nostra volta sale della terra e luce del mondo”.

“A tutti – ha concluso – auguro una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!”.

Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!