Meditazioni e preghiere
Il coraggio di vivere secondo il Vangelo

Il coraggio di vivere secondo il Vangelo

Facebook
Twitter
Youtube
Youtube
SOCIALICON
Follow by Email
RSS

E’ un’esigenza incontenibile: la Parola deve trasmettersi con la parola

Il mio in(solito) commento a:
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo (Marco 16,9-15)

E’ un imperativo! Immaginiamo la forza, il lampo di luce della Risurrezione che ha invaso il buio del sepolcro, l’energia vitale che ha percorso i muscoli di Cristo portandoli in tensione, il corpo, un istante prima immobile, che si rialza. La Risurrezione di Gesù è un momento unico nella storia non solo dell’uomo, ma dell’intero Regno di Dio. Immaginate di poter risorgere, amici cari: qual è la prima cosa che vorreste fare? Ciascuno di noi avrà una risposta diversa, ma è indiscutibile che la prima cosa che desidereremmo fare non appena risorti sarà la più importante della nostra vita. Quanto desideriamo più intensamente. 

Ecco: Gesù risorge e ci invita, anzi, ci comanda di andare in tutto il mondo e proclamare il Vangelo. E’ indubbiamente questa la cosa che più stava a cuore a Cristo. E’ un’esigenza incontenibile: la Parola deve trasmettersi con la parola. Gesù, Parola incarnata, non può non desiderare che il Vangelo venga portato a tutti.

E dunque noi dobbiamo raccogliere questo invito pressante e farlo nostro. Ma in che modo? Nel modo più naturale: facendo entrare la Parola dentro le nostre vite. Non lasciamo il Vangelo tra i libri! Noi dobbiamo cibarci di Vangelo, bere il Vangelo, respirare il Vangelo. E così, la Parola dovrà diventare una parte di noi. Ogni nostro gesto quotidiano, dal lavoro, all’educazione, al modo di rapportarci con gli altri, ogni decisione che prenderemo, dovrà riflettere i valori del Vangelo. L’amore, il perdono, l’apertura verso il prossimo… dovremo diventare noi stessi pagine viventi di Vangelo. Soltanto così riusciremo a rispondere a quell’imperativo di Gesù, pronunciato in modo così urgente nel momento della sua risurrezione.

#Santanotte amici, Gesù sa scrivere dentro di noi con il linguaggio dell’amore. E noi, sappiamo leggere? Dio vi e ci benedica amici cari ed apra il nostro cuore! 🙂 🙂 🙂

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “Il Discorso della Montagna” di Carl Bloch, 1877, olio su rame, 104×92 cm, Frederiksborg Hillerod Museum, Danimarca