Meditazioni e preghiere
Ecco la luce del mondo: siamo noi!

Ecco la luce del mondo: siamo noi!

Ecco che arriviamo noi, con le nostre vite normali, con i nostri pensieri normali… e ci viene detto che siamo la luce del mondo…

Il mio in(solito) commento a:
Voi siete la luce del mondo (Matteo 5,13-16)

La luce è il principio di ogni cosa; pervade tutta la Bibbia, dalla prima all’ultima pagina. Troviamo la luce già al terzo versetto della Genesi: “Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu” (Genesi 1,3). E la ritroviamo nell’ultima pagina dell’Apocalisse, l’ultimo libro della Bibbia, dove leggiamo che Dio stesso è la luce che trionferà sulle tenebre nella Gerusalemme celeste: “Non ci sarà più notte; non avranno bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà e regneranno nei secoli dei secoli” (Apocalisse 22,5; cfr. Isaia 60,19-20).  E’ la luce che ci permette di vedere tutte le altre cose: ci rendiamo conto che esistono il cielo, la terra, il mare, i pesci, gli uccelli, gli animali e perfino gli altri uomini, perché vengono illuminati. Di luce è tessuto l’abito di Dio: “Egli è vestito di luce” (Sal 104,2); lo stesso Gesù, trasfigurato sul monte Tabor, si manifestò nella luce: “E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce” (Matteo 17,2). La gloria di Dio rifulge anche sul volto di Mosè: “Quando Mosè scese dal monte Sinai non sapeva che la pelle del suo viso era diventata raggiante, poiché aveva conversato con Dio. Aronne e tutti gli Israeliti, vedendo raggiante la pelle del suo viso, ebbero paura di accostarsi a lui… Mosè, allora, si pose un velo sul volto” (Esodo 34, 29-30.33). Luce è la Parola di Dio che illumina e guida nelle vie della vita (Salmo 119,105; Sapienza 7,10; 7:26).

La luce vera, Gesù, ci chiede di diventare noi stessi luce. D’altra parte, scrive San Paolo, noi  siamo “figli della luce” (Efesini 5,8-9). E allora, amici cari, un po’ come Mosè, dopo essere stato vicino a Dio, prendeva anche lui sembianze di luce, a noi viene richiesto di “vestirci di luce” e diventare, a nostra volta, luce per chi è rimasto lontano dalla luce. Noi che abbiamo ascoltato la Parola, noi che abbiamo letto la Bibbia e meditato il Vangelo, noi che stiamo leggendo queste parole, abbiamo il compito di illuminare chi non le ha mai volute ascoltare.

Ci viene richiesto di diventare noi stessi, con le nostre azioni, con il nostro atteggiamento, annuncio del Vangelo. Dio ha posto nel cuore di ciascuno di noi una fiammella, che arde e non si spegne. E’ la luce della nostra anima. E se noi non permetteremo al peccato di sporcare le pareti del nostro cuore, allora quella luce, per quanto fioca, uscirà fuori ed illuminerà il nostro cammino. Dobbiamo lasciare brillare la nostra anima e diventare esempio per chi ci sta accanto. Perché la luce di Dio rischiari sempre le tenebre del mondo. 

Questo è portare Gesù a chi non lo conosce. Dobbiamo brillare per scacciare le tenebre di chi è rimasto intrappolato nella morsa dell’egoismo, del materialismo, del piacere ad ogni costo, e vive così, senza guardare in faccia nulla e nessuno, senza tenere in considerazione le conseguenze dei suoi eccessi. Ecco che arriviamo noi, con la nostra vita normale, facendo le cose di tutti i giorni, a mostrare che c’è un’altra strada. Che c’è l’alternativa cristiana. Che ci si può divertire senza sballarsi. Che si può star bene restando insieme, affiancati, aiutandosi l’un l’altro. Che si vive meglio con Gesù nel cuore. Ecco qual è il nostro compito! Ecco che cosa ci chiede Gesù! Ecco che cosa, anche noi, laici, siamo chiamati a fare nella nostra vita ordinaria!

E badate bene, amici cari, che è un peccato sottrarsi a questa richiesta di Gesù. E’ forse un peccato ancora più grave rispetto a quello che compiono le persone che noi siamo chiamati ad illuminare. Illuminare, amici cari, e non giudicare. Perché non sta a noi decidere chi viva bene e chi male, ma il nostro compito si limita a… dover brillare. Brillare di quella luce che Dio ha messo dentro di noi. E non possiamo restare comodamente seduti sul divano (sotto il moggio) perché la nostra luce non si vedrebbe, ma dobbiamo recarci là, dove la nostra testimonianza è richiesta (sul candelabro).

#Santanotte amici, ricordatevi sempre di brillare, perché è anche con la vostra luce, che le tenebre del mondo diventeranno meno buie! 🙂 🙂 🙂

Alessandro Ginotta

Il dipinto di oggi è: “La Madonna del popolo” (dettaglio di Gesù), 1579, olio su tavola, 252×359 cm, Museo degli Uffizi, Firenze