Una Reliquia che profuma di carità

Una Reliquia che profuma di carità

Download PDF

Nel quattrocentesimo anniversario della fondazione del Carisma Vincenziano le Reliquie di San Vincenzo De Paoli arrivano a Cardito (Na), nella parrocchia di San Biagio.

Una teca contenente una parte di una costola di San Vincenzo, un pezzo della sua talare e l’originale di una lettera che il santo ha inviato a Santa Luisa de Marillac, cofondatrice delle Figlie della Carità. Queste le Reliquie giunte a Cardito giovedì 20 aprile.

Ad accoglierle, insieme al Parroco don Nicola Mazzella, per la Società di San Vincenzo De Paoli c’erano: il Presidente nazionale Antonio Gianfico, e Monica Galdo, membro del Consiglio Centrale di Napoli e della Giunta Esecutiva delle Conferenze di San Vincenzo. Sono intervenuti anche Padre Luigi Napoleone CM, per i Missionari Vincenziani; Annamaria di Giovanni, per i Gruppi di Volontariato Vincenziano; suor Giovanna Pantaleo per le Figlie della Carità e Padre Luigi Carbone per la Gioventù Mariana Vincenziana.

E’ questo un anno denso di eventi per tutta la Famiglia Vincenziana: pellegrinaggi, convegni e progetti.  E’ anche in programma un Simposio Internazionale che si terrà a Roma dal 13 al 15 ottobre, e che culminerà con l’Udienza di Papa Francesco. Ma, per la Società di San Vincenzo De Paoli, il 2017 è doppiamente speciale perché ricorre anche il ventennale della Beatificazione del proprio fondatore: Federico Ozanam.

Una Reliquia che profuma di carità

Ed al centro del discorso del presidente Antonio Gianfico ci sono proprio i rapporti amicali all’interno della Famiglia Vincenziana: Movimenti, Associazioni, Gruppi, religiosi e laici. Realtà diverse con un’identità comune: quella di appartenere ad un’unica famiglia spirituale. Differenze che arricchiscono e fortificano ogni ramo, sia quelli fondati direttamente da San Vincenzo De Paoli, sia quelli che riconoscano in lui la comune fonte di ispirazione e consacrazione al servizio dei poveri.

Lo stesso rapporto di amicizia il vincenziano lo porta anche all’esterno. Quella che instaura con il povero è una relazione di aiuto che non si limita all’intervento di soccorso al bisogno materiale. Molto spesso è necessario saper ascoltare; condividere il dolore di chi ti sta accanto; fornire un buon consiglio. L’obiettivo è quello di accompagnare il bisognoso in un percorso di crescita personale che lo affranchi dalla sua attuale condizione.

Una Reliquia che profuma di carità

Per il volontario oggi è essenziale saper leggere le cause della povertà e lavorare per rimuoverle. Perché l’assistenza non deve essere una forma “di carità” che produce fragilità e dipendenza, ma deve condurre all’autonomia della persona. Ed il recente successo dell’introduzione del Reddito d’Inclusione, promosso dall’Alleanza contro la povertà di cui la Società di San Vincenzo De Paoli è soggetto fondatore, è un passo decisivo in questa direzione.

“La Reliquia che è giunta a Cardito – ha concluso Antonio Gianfico – è il simbolo di un carisma che dopo 400 anni cresce ancora, se consideriamo quanto e quanto in fretta i vincenziani si sono espansi in tutto il mondo. Un carisma che trasmette la gioia di San Vincenzo nel mettersi al servizio dei poveri. Un carisma che ti travolge e ti cambia la vita”.

Alessandro Ginotta

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!