Una famiglia che cammina insieme: amore, comprensione e perdono.

Download PDF

Nel giorno della Festa della Santa Famiglia di Nazareth, Papa Francesco ha celebrato Santa Messa ed Angelus in Vaticano: “È bello aprire sempre il cuore gli uni agli altri, senza nascondere nulla”.

Rifacendosi alle letture del giorno, Papa Francesco ha dipinto un bellissimo ritratto della Santa Famiglia, impegnata a camminare, crescere e pregare insieme: “la cosa più bella posta oggi in risalto dalla Parola di Dio è che tutta la famiglia compie il pellegrinaggio”. Papà, mamma e figli, insieme, si recano alla casa del Signore per santificare la festa con la preghiera. E’ un insegnamento importante che viene offerto anche alle nostre famiglie”.

Una famiglia che cammina insieme: amore, comprensione e perdono.

L’importanza di fare le cose insieme

“Come è importante per le nostre famiglie – ha osservato il Papa – camminare insieme e avere una stessa meta da raggiungere! Sappiamo che abbiamo un percorso comune da compiere; una strada dove incontriamo difficoltà ma anche momenti di gioia e di consolazione”.

“Cosa può esserci di più bello – ha proseguito Francesco – per un papà e una mamma di benedire i propri figli all’inizio della giornata e alla sua conclusione. Tracciare sulla loro fronte il segno della croce come nel giorno del Battesimo. Non è forse questa la preghiera più semplice dei genitori nei confronti dei loro figli?”.

“Come è importante per la famiglia ritrovarsi anche in un breve momento di preghiera prima di prendere insieme i pasti, per ringraziare il Signore di questi doni, e per imparare a condividere quanto si è ricevuto con chi è maggiormente nel bisogno!”.

Sono tutti piccoli gesti, che tuttavia esprimono il grande ruolo formativo che la famiglia possiede nel pellegrinaggio di tutti i giorni.

Una famiglia che cammina insieme: amore, comprensione e perdono.

Il pellegrinaggio finisce quando si torna a casa

Al termine del pellegrinaggio, Gesù tornò a Nazareth ed era sottomesso ai suoi genitori (cfr Lc 2,51). Anche questa immagine contiene un bell’insegnamento per le nostre famiglie: “Il pellegrinaggio – ha sottolineato il Papa – non finisce quando si è raggiunta la meta del santuario, ma quando si torna a casa e si riprende la vita di tutti i giorni, mettendo in atto i frutti spirituali dell’esperienza vissuta”.

Gesù, invece di tornare a casa con i suoi genitori, si era fermato a Gerusalemme nel Tempio, “provocando una grande pena a Maria e Giuseppe che non lo trovavano più”. Per questa sua “scappatella”, probabilmente anche Gesù dovette chiedere scusa ai suoi genitori. “Il Vangelo non lo dice – ha osservato Papa Francesco – ma credo che possiamo supporlo”.

La domanda di Maria manifesta un certo rimprovero, rendendo evidente la preoccupazione e l’angoscia sua e di Giuseppe. Tornando a casa “Gesù si è stretto certamente a loro, per dimostrare tutto il suo affetto e la sua obbedienza”. Fanno parte del pellegrinaggio della famiglia anche questi momenti che con il Signore si trasformano in opportunità di crescita, in occasione di chiedere perdono e di riceverlo, di dimostrare l’amore e l’obbedienza.

La gioia del perdono reciproco

L’augurio del Papa è che, nell’Anno della Misericordia, ogni famiglia cristiana “possa diventare luogo privilegiato di questo pellegrinaggio in cui si sperimenta la gioia del perdono”. Il perdono è l’essenza dell’amore che sa comprendere lo sbaglio e porvi rimedio. “Poveri noi se Dio non ci perdonasse!” E’ all’interno della famiglia che ci si educa al perdono, perché si ha la certezza di essere capiti e sostenuti nonostante gli sbagli che si possono compiere.

La Chiesa e il mondo hanno “bisogno più che mai” di questo pellegrinaggio domestico di tutti i giorni. “Non perdiamo la fiducia nella famiglia! E’ bello aprire sempre il cuore gli uni agli altri, senza nascondere nulla. Dove c’è amore, lì c’è anche comprensione e perdono”.

Il Papa abbraccia le famiglie

All’Angelus il primo pensiero del Papa è andato alle tante famiglie incontrate a Filadelfia, nei Viaggi Apostolici, e più in generale alle famiglie di tutto il mondo che “in questo nostro tempo sono soggette a incomprensioni e difficoltà di vario genere che le indeboliscono”.

Papa Francesco ci ha invitato a prendere esempio dalla Santa Famiglia: “ogni nucleo familiare cristiano è chiamato ad essere chiesa domestica, per far risplendere le virtù evangeliche e diventare fermento di bene nella società”. Perchè “è nella famiglia unita che i figli portano a maturazione la loro esistenza, vivendo l’esperienza significativa ed efficace dell’amore gratuito, della tenerezza, del rispetto reciproco, della mutua comprensione, del perdono e della gioia”.

Il Santo Padre si è soffermato proprio sul tema della gioia che si sperimenta nella famiglia: “non è qualcosa di casuale e fortuito”, ma è “frutto dell’armonia profonda tra le persone, che fa gustare la bellezza di essere insieme, di sostenerci a vicenda nel cammino della vita”. Alla base della gioia sempre c’è la presenza di Dio, il suo amore accogliente, misericordioso e paziente verso tutti.

Se non si apre la porta della famiglia alla presenza di Dio e al suo amore, la famiglia perde l’armonia, prevalgono gli individualismi, e si spegne la gioia. Invece la famiglia che vive la gioia, la gioia della vita, la gioia della fede, la comunica spontaneamente, è sale della terra e luce del mondo, è lievito per tutta la società.

Le difficoltà dei migranti cubani

Al termine dell’Angelus, tutto dedicato alla famiglia, Papa Francesco ha ricordato le difficoltà delle famiglie cubane e dei tanti migranti che spesso, in Centro America, diventano vittime del traffico di esseri umani. Il Santo Padre ha rivolto un appello ai Paesi della Regione a “rinnovare con generosità tutti gli sforzi necessari per trovare una tempestiva soluzione a questo dramma umanitario”.

Di Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su:

 Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!