Solo Dio può liberare l’uomo, schiavo dell’illusione di una falsa libertà

Solo Dio può liberare l’uomo, schiavo dell’illusione di una falsa libertà

Download PDF

All’Udienza straordinaria il Papa riflette sulle nuove schiavitù che sorgono “in nome di una falsa libertà”. Il Grazie alla Protezione Civile impegnata nei soccorsi del terremoto.

“Quante nuove schiavitù si creano nei nostri giorni in nome di una falsa libertà”. Si apre così, in Piazza San Pietro l’Udienza Giubilare di sabato. Un’Udienza alla quale avrebbe dovuto partecipare anche il Servizio Nazionale della Protezione Civile, ma che ha annullato la partecipazione “per continuare la preziosa opera di soccorso e assistenza alle popolazioni colpite dal terremoto il 24 agosto scorso”. “Li ringrazio – è il saluto di Francesco – per la dedizione e il generoso aiuto offerto in questi giorni! Grazie fratelli e sorelle!”.

L’uomo schiavo della libertà

Il brano letto prima della Catechesi del Santo Padre è tratto dalla prima lettera di San Pietro (cfr 1 Pt 1,18-21) e parla della misericordia di Dio che si attua nella Redenzione. La parola “redenzione”, ha spiegato il Papa, è poco usata “eppure è fondamentale perché indica la più radicale liberazione che Dio poteva compiere per noi, per tutta l’umanità e per l’intera creazione”.

“Quante illusioni vengono vendute sotto il pretesto della libertà e quante nuove schiavitù si creano ai nostri giorni in nome di una falsa libertà! Tanti, tanti schiavi: «Io faccio questo perché voglio farlo, io prendo la droga perché mi piace, sono libero, io faccio quell’altro». Sono schiavi! Diventano schiavi in nome della libertà. Tutti noi abbiamo visto persone del genere che alla fine finiscono per terra. Abbiamo bisogno che Dio ci liberi da ogni forma di indifferenza, di egoismo e di autosufficienza”.

Solo Dio può liberare l’uomo, schiavo dell’illusione di una falsa libertà
La vita ci mette alla prova, e soffriamo, ma…

Facendosi uno di noi, il Signore Gesù non solo assume la nostra condizione umana, ma ci innalza alla possibilità di essere figli di Dio: “Con la sua morte e risurrezione Gesù Cristo, Agnello senza macchia, ha vinto la morte e il peccato per liberarci dal loro dominio. Lui è l’Agnello che è stato sacrificato per noi, perché noi potessimo ricevere una nuova vita fatta di perdono, di amore e di gioia. Belle queste tre parole: perdono, amore e gioia. Tutto ciò che Lui ha assunto è stato anche redento, liberato e salvato”.

Certo, è vero che la vita ci mette alla prova e a volte soffriamo per questo. Tuttavia, in questi momenti siamo invitati a puntare lo sguardo su Gesù crocifisso che soffre per noi e con noi, come prova certa che Dio non ci abbandona. “Non dimentichiamo mai – ha raccomandato Papa Francesco – che nelle angustie e nelle persecuzioni, come nei dolori quotidiani siamo sempre liberati dalla mano misericordiosa di Dio che ci solleva a sé e ci conduce a una vita nuova”.

Solo Dio può liberare l’uomo, schiavo dell’illusione di una falsa libertà
L’amore di Dio è sconfinato

“Possiamo scoprire segni sempre nuovi che indicano la sua attenzione nei nostri confronti e soprattutto la sua volontà di raggiungerci e di precederci. Tutta la nostra vita, pur segnata dalla fragilità del peccato, è posta sotto lo sguardo di Dio che ci ama”. Quante pagine della Sacra Scrittura ci parlano della presenza, della vicinanza e della tenerezza di Dio per ogni uomo, “specialmente per i piccoli, i poveri e i tribolati!”. “Dio ha una grande tenerezza, un grande amore per i piccoli, per i più deboli, per gli scartati della società. Più noi siamo nel bisogno, più il suo sguardo su di noi si riempie di misericordia”. Egli prova una compassione pietosa nei nostri riguardi perché conosce le nostre debolezze: “Conosce i nostri peccati e ci perdona; perdona sempre! È tanto buono, è tanto buono il nostro Padre”.

Solo Dio può liberare l’uomo, schiavo dell’illusione di una falsa libertà
Con il Signore è la misericordia

L’Udienza Giubilare si conclude con la recita di un versetto del Salmo 130: “Con il Signore è la misericordia e grande è con Lui la redenzione”. “Non sono solo parole – ha commentato Francesco, che ha invitato i fedeli a ripetere ad alta voce il Salmo – è vita vera”. “Ripetiamo tutti insieme: con il Signore è la misericordia e grande è con Lui la redenzione”.

Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su: LA VOCE DEL TEMPO

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!