Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”

Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”

Download PDF

All’Udienza Generale Papa Francesco ha ripercorso le tappe del suo primo Viaggio Apostolico in Africa.

“È bella l’Africa!” ha esordito Papa Francesco. La prima città visitata è stata Nairobi, la più grande città dell’Africa orientale dove “convivono ricchezza e miseria: ma questo è uno scandalo! Non solo in Africa: anche qui, dappertutto. La convivenza tra ricchezza e miseria è uno scandalo, è una vergogna per l’umanità”.

“In questo contesto così drammaticamente attuale ho avuto la gioia di portare la parola di speranza di Gesù: Siate saldi nella fede, non abbiate paura. Questo era il motto della visita. Una parola che viene vissuta ogni giorno da tante persone umili e semplici, con nobile dignità; una parola testimoniata in modo tragico ed eroico dai giovani dell’Università di Garissa, uccisi il 2 aprile scorso perché cristiani. Il loro sangue è seme di pace e di fraternità per il Kenia, per l’Africa e per il mondo intero”.

Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”
Poi, in Uganda la visita di Papa Francesco è avvenuta nel segno dei Martiri di quel Paese, a 50 anni dalla loro storica canonizzazione, da parte del beato Paolo VI. Per questo il motto era: Sarete miei testimoni (At 1,8). Un motto che presuppone le parole immediatamente precedenti: Avrete forza dallo Spirito Santo, perché è lo Spirito che anima il cuore e le mani dei discepoli missionari. E tutta la visita in Uganda si è svolta nel fervore della testimonianza animata dallo Spirito Santo.

Il Papa ha raccontato le tante testimonianze di carità “che ho toccato con mano nella Casa di Nalukolongo, ma che vede impegnate tante comunità e associazioni nel servizio ai più poveri, ai disabili, ai malati”. Ma anche quella dei giovani che “malgrado le difficoltà custodiscono il dono della speranza e cercano di vivere secondo il Vangelo e non secondo il mondo, andando contro-corrente”. Testimoni sono i sacerdoti, i consacrati e le consacrate che rinnovano giorno per giorno il loro “sì” totale a Cristo e si dedicano con gioia al servizio del popolo santo di Dio.

Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”
La terza tappa del viaggio è stata la Repubblica Centrafricana, nel cuore geografico del continente: “proprio – ha commentato Papa Francesco – è il cuore dell’Africa”. Questa visita era in realtà la prima nella sua intenzione, perché il Paese sta cercando di uscire da un periodo molto difficile, di conflitti violenti e tanta sofferenza nella popolazione.

Per questo il Santo Padre ha voluto aprire proprio là, a Bangui, con una settimana di anticipo, la prima Porta Santa del Giubileo della Misericordia, come segno di fede e di speranza per quel popolo, e simbolicamente per tutte le popolazioni africane le più bisognose di riscatto e di conforto.

L’invito di Gesù ai discepoli: Passiamo all’altra riva (Lc8,22), era il motto per il Centrafrica. “Passare all’altra riva”, in senso civile, significa lasciare alle spalle la guerra, le divisioni, la miseria, e scegliere la pace, la riconciliazione, lo sviluppo. Ma questo presuppone un “passaggio” che avviene nelle coscienze, negli atteggiamenti e nelle intenzioni delle persone. E a questo livello è decisivo l’apporto delle comunità religiose.

“Con i sacerdoti e i consacrati – ha raccontato Papa Francesco – ma anche con i giovani, abbiamo condiviso la gioia di sentire che il Signore risorto è con noi sulla barca, ed è Lui che la guida all’altra riva”. Nell’ultima Messa, allo stadio di Bangui, nella festa dell’apostolo Andrea “abbiamo rinnovato l’impegno a seguire Gesù, nostra speranza, nostra pace, Volto della divina Misericordia”. Quell’ultima Messa è stata meravigliosa: “era piena di giovani, uno stadio di giovani! Ma più della metà della popolazione della Repubblica Centrafricana sono minorenni, hanno meno di 18 anni: una promessa per andare avanti!”.

Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”

Il Papa ha poi ricordato la testimonianza di una missionaria italiana di 81 anni, che è giunta appositamente in canoa dal Congo a Bangui per vedere Francesco: “Questa suora era là da quando aveva 23-24 anni: tutta la vita! E come lei, tante. Era con una bambina. E la bambina, in italiano, le diceva: – Nonna -. E la suora mi ha detto: – Ma io, proprio non sono di qua, del Paese vicino, del Congo; ma sono venuta in canoa, con questa bambina – Così sono i missionari: coraggiosi”.

Questa anziana “81 anni, ma, non tanto, due più di me…” sorella infermiera, in Africa ha fatto nascere 3280 bambini. Tutta una vita per la vita, per la vita degli altri. “E come questa suora – ha osservato Papa Francesco – ce ne sono tante, tante: tante suore, tanti preti, tanti religiosi che bruciano la vita per annunciare Gesù Cristo. E’ bello, vedere questo. E’ bello!”.

Papa Francesco: “Giovane, cosa vuoi fare della tua vita?”

Papa Francesco ha lanciato un appello ai giovani: “Io vorrei dire una parola ai giovani. Ma ce ne sono pochi, perché la natalità è un lusso, sembra, in Europa: natalità 0, natalità 1%…”. Poi ha proseguito: “pensate a questa suora e a tante come lei, che hanno dato la vita e tante sono morte, là. Questa è la grande missionarietà eroica della Chiesa. Annunciare Gesù Cristo con la propria vita! Io mi rivolgo ai giovani: pensa a cosa vuoi fare tu della tua vita. È il momento di pensare e chiedere al Signore che ti faccia sentire la sua volontà. Ma non escludere, per favore, questa possibilità di diventare missionario, per portare l’amore, l’umanità, la fede in altri Paesi. Non per fare proselitismo: no. Quello lo fanno quanti cercano un’altra cosa. La fede si predica prima con la testimonianza e poi con la parola. Lentamente”.

Di Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su:

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!