Non cedere alla tentazione dell'odio. Il Papa abbraccia i famigliari delle vittime di Nizza

Non cedere alla tentazione dell’odio. Il Papa abbraccia i famigliari delle vittime di Nizza

Download PDF

Si può rispondere agli assalti del demonio solo con le opere di Dio che sono perdono, amore e rispetto del prossimo, anche se è differente.

Una fotografia da benedire, una lacrima da asciugare, un oggetto da guardare, una mano da stringere, un afflitto da consolare, un fratello da abbracciare. Sono tanti i presenti in Aula Paolo VI questa mattina: sono i famigliari delle vittime della strage di Nizza del 14 luglio scorso. La tragica notte in cui la festa si tramutò in tragedia quando quel tir si avventò sulla folla causando 86 morti e 302 feriti.

Il Papa è arrivato con un ampio anticipo rispetto all’orario prefissato perché aveva un desiderio ben preciso: fermarsi almeno alcuni istanti con ciascuno di loro. Così, al termine del discorso, è sceso in mezzo ai presenti e da ha abbracciato, consolato, ma soprattutto ascoltato, uno per uno tutti  i presenti.

Non cedere alla tentazione dell'odio. Il Papa abbraccia i famigliari delle vittime di Nizza
Dolore e commozione

“Con viva commozione – è il saluto di Francesco – incontro voi, che soffrite nel vostro corpo o nel vostro animo perché, una sera di festa, la violenza vi ha colpito ciecamente, voi o uno dei vostri cari, senza badare all’origine o alla religione. Desidero condividere il vostro dolore, un dolore che si fa ancora più forte quando penso ai bambini, persino a intere famiglie, la cui vita è stata strappata all’improvviso e in modo drammatico. A ciascuno di voi assicuro la mia compassione, la mia vicinanza e la mia preghiera”.

La certezza della vita eterna

“Care famiglie, invoco il nostro Padre celeste, Padre di tutti, perché accolga con sé i vostri cari defunti, perché trovino presto il riposo e la gioia della vita eterna. Per noi cristiani, il fondamento della speranza è Gesù Cristo morto e risorto. L’Apostolo Paolo ce lo assicura: «Se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui, sapendo che Cristo, risorto dai morti, non muore più; la morte non ha più potere su di lui» (Rm 6,8-9). Possa la certezza della vita eterna, che appartiene anche a credenti di altre religioni, esservi di consolazione nel corso della vita, e costituire un forte motivo di perseveranza per continuare con coraggio il vostro cammino quaggiù”.

Non cedere alla tentazione dell'odio. Il Papa abbraccia i famigliari delle vittime di Nizza
La vicinanza della Chiesa

Il Papa ha pregato Dio anche per tutte le persone rimaste ferite, in certi casi atrocemente mutilate, nella carne o nello spirito, e non ha dimenticato tutti coloro che per questo non sono potuti essere presenti o sono ancora in ospedale: “La Chiesa vi resta vicina e vi accompagna con immensa compassione. Con la sua presenza accanto a voi in questi momenti così pesanti da affrontare, essa chiede al Signore di venirvi in aiuto e di mettere nei vostri cuori sentimenti di pace e di fraternità”.

Il dramma che ha conosciuto la città di Nizza ha suscitato dappertutto significativi gesti di solidarietà e di accompagnamento. “Ringrazio tutte le persone che, immediatamente, hanno dato soccorso alle vittime – ha proseguito Francesco – o che fino ad oggi, e di certo ancora a lungo, si dedicano a sostenere e accompagnare le famiglie. Penso naturalmente alla Comunità cattolica e al suo Vescovo, Monsignor André Marceau, ma anche ai servizi di assistenza e al mondo associativo, in particolare all’associazione Alpes-Maritimes Fraternité, qui presente, che raccoglie rappresentanti di tutte le confessioni religiose, e questo è un segno molto bello di speranza. Mi rallegro di vedere che tra voi le relazioni interreligiose sono molto vive, e questo non può che contribuire ad alleviare le ferite di questi drammatici avvenimenti”.

Il messaggio che il Vangelo di Gesù rivolge a tutti noi

Stabilire un dialogo sincero e relazioni fraterne tra tutti “in particolare tra quanti confessano un Dio unico e misericordioso” è una urgente priorità che i responsabili, sia politici sia religiosi “devono cercare di favorire e che ciascuno è chiamato ad attuare intorno a sé”.

“Quando la tentazione di ripiegarsi su sé stessi, oppure di rispondere all’odio con l’odio e alla violenza con la violenza è grande, un’autentica conversione del cuore è necessaria. E’ questo il messaggio che il Vangelo di Gesù rivolge a tutti noi. Si può rispondere agli assalti del demonio solo con le opere di Dio che sono perdono, amore e rispetto del prossimo, anche se è differente”.

All’incontro, che è avvenuto in un clima di particolare raccoglimento e commozione, erano presenti circa mille persone, accompagnate dal sindaco di Nizza, Christian Estrosi e dal Vescovo, Mons. André Marceau. Hanno partecipato anche rappresentanti musulmani ed ebraici.

“Cari fratelli e sorelle – ha concluso – vi assicuro ancora una volta la mia preghiera e tutta la tenerezza del Successore di Pietro. Prego anche per il vostro caro Paese e per i suoi responsabili, affinché si costruisca senza stancarsi una società giusta, pacifica e fraterna. Come segno della mia vicinanza, invoco su ciascuno di voi l’aiuto della Vergine Maria e l’abbondanza delle celesti benedizioni”. Poi, in francese: “Le Seigneur bénisse vous tous”.

Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su: LA VOCE DEL TEMPO

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!