Mettiamocelo in testa: con il demonio non si può dialogare

Mettiamocelo in testa: con il demonio non si può dialogare

Download PDF

Le tre tentazioni del cristiano, e come poterle vincere, nell’omelia di Papa Francesco ad Ecatepec.

“Il nostro Padre è il Padre di una grande famiglia”. Sa avere un amore, ma non sa generare e creare “figli unici” tra di noi. E’ un Dio “che sa di famiglia, di fraternità, di pane spezzato e condiviso”. E’ il Dio del “Padre nostro”, non del “padre mio” e “patrigno vostro”. Parole potenti quelle pronunciate da Papa Francesco davanti alla folla oceanica accorsa per ascoltarlo ad Ecatepec, uno dei sobborghi più popolosi al mondo, tristemente noto per l’elevato tasso di criminalità e per essere considerato il “trampolino di lancio” dei narcos verso la vicina capitale Città del Messico.

La missione di Francesco inizia dalle periferie. Proprio nella martoriata Ecatepec il Papa è andato a ricordare che Dio ci ama: “Questo Padre che ci aspetta per toglierci le vesti della stanchezza, dell’apatia, della sfiducia e rivestirci con la dignità che solo una vero padre e una vera madre sanno dare ai loro figli, i vestiti che nascono dalla tenerezza e dall’amore”.

Mettiamocelo in testa: con il demonio non si può dialogare

Una società di pochi e per pochi

In ognuno di noi “vive quel sogno di Dio” testimoniato anche “dal sangue di tanti martiri di ieri e di oggi”. Un sogno che “si trova sempre minacciato dal padre della menzogna, da colui che vuole dividerci, generando una società famiglia divisa e conflittuale, una società divisa e conflittuale. Una società di pochi e per pochi”.

“Quante volte – ha proseguito Francesco – sperimentiamo nella nostra carne, o nella nostra famiglia, in quella dei nostri amici o vicini, il dolore che nasce dal non sentire riconosciuta quella dignità che tutti portiamo dentro”. Quante volte abbiamo dovuto piangere e pentirci “perché ci siamo resi conto di non aver riconosciuto tale dignità negli altri”. “Quante volte – e lo dico con dolore – siamo ciechi e insensibili davanti al mancato riconoscimento della dignità propria e altrui”.

Mettiamocelo in testa: con il demonio non si può dialogare

Le tre tentazioni

La Quaresima è un “tempo per regolare i sensi”, per aprire gli occhi di fronte a tante ingiustizie che “attentano direttamente al sogno e al progetto di Dio”. Tempo per smascherare quelle tre grandi forme di tentazione che “rompono, dividono l’immagine che Dio ha voluto plasmare”. Tre tentazioni che “cercano di degradare e di degradarci”.

La prima tentazione è la ricchezza che ci spinge ad impossessarci di beni che sono stati dati per tutti, utilizzandoli solo per me o per “i miei”. E’ “procurarsi il pane con il sudore altrui, o persino con la vita altrui”. “Quella ricchezza – ha aggiunto Papa Francesco – che è il pane che sa di dolore, di amarezza, di sofferenza. In una famiglia o in una società corrotta questo è il pane che si dà da mangiare ai propri figli”.

La seconda tentazione: la vanità. Quella ricerca di prestigio basata sulla squalifica continua e costante di quelli che “non sono nessuno”. La ricerca esasperata di quei cinque minuti di fama che non perdona la “fama” degli altri. “Facendo legna dell’albero caduto”, lascia spazio alla terza tentazione, la peggiore, quella dell’orgoglio, ossia il porsi su un piano di superiorità di qualunque tipo, sentendo che non si condivide la “vita dei comuni mortali” e pregando tutti i giorni: “Grazie Signore perché non mi hai fatto come loro”.

Fino a che punto…

“Fino a che punto – si chiede il Papa – siamo consapevoli di queste tentazioni nella nostra persona, in noi stessi? Fino a che punto ci siamo abituati a uno stile di vita che pensa che nella ricchezza, nella vanità e nell’orgoglio stanno la fonte e la forza della vita?”. “Fino a che punto crediamo che il prenderci cura dell’altro, il nostro preoccuparci e occuparci per il pane, il buon nome e la dignità degli altri sono fonti di gioia e di speranza?”.

Mettiamocelo in testa: con il demonio non si può dialogare

Con il demonio non si può dialogare

Nel Vangelo Gesù non risponde al demonio con le proprie parole, ma gli risponde con la Parola di Dio, con la Parola delle Scritture. “Perché, fratelli e sorelle, mettiamocelo bene in testa: con il demonio non si parla! Non si può dialogare! Perché ci vince sempre”…

Solamente la forza della Parola di Dio lo può sconfiggere! “Perchè – ha precisato Francesco –  Dio vuole guarire il nostro cuore da tutto ciò che lo degrada, degradandosi o degradando altri. E’ il Dio che ha un nome: misericordia. Il Suo nome è la nostra ricchezza, il Suo nome è la nostra fama, il Suo nome è il nostro potere”.

L’esortazione del Papa all’Angelus

Al termine della celebrazione il Papa ha invitato di nuovo i fedeli “a stare in prima linea”, ad essere intraprendenti “in tutte le iniziative che possano aiutare a fare di questa benedetta terra messicana una terra di opportunità”. Dove non ci sia bisogno “di emigrare per sognare”; “di essere sfruttato per lavorare”; “di fare della disperazione e della povertà di molti l’opportunismo di pochi”. Una terra che non debba “piangere uomini e donne, giovani e bambini che finiscono distrutti nelle mani dei trafficanti della morte”.

Di Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su:

 Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!