L’unità si fa camminando. La richiesta di perdono di Papa Francesco

L’unità si fa camminando. La richiesta di perdono di Papa Francesco

Download PDF

Con la celebrazione dei Vespri nella Basilica di San Paolo fuori le Mura, si è chiusa la settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani.

Papa Francesco ha chiesto perdono “per i comportamenti non evangelici tenuti da parte di cattolici nei confronti di cristiani di altre chiese”, ma ha anche chiesto ai cattolici di perdonare “se, oggi o in passato, hanno subito offese da altri cristiani”.

Insieme al Papa hanno varcato la Porta Santa della Basilica di San Paolo fuori le Mura il Metropolita dell’Arcidiocesi Ortodossa d’Italia, Gennadios Zervós,  l’Arcivescovo anglicano David Moxon, rappresentante presso la Santa Sede dell’Arcivescovo di Canterbury. Alla celebrazione erano presenti anche una delegazione di Valdesi ed i rappresentanti delle diverse Chiese e Comunità ecclesiali di Roma.

L’unità si fa camminando. La richiesta di perdono di Papa Francesco

La conversione di San Paolo

Papa Francesco ha esordito citando le parole di San Paolo: “Io sono il più piccolo tra gli apostoli […] perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. Per grazia di Dio, però, sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana” (1 Cor 15,9-10). La conversione di San Paolo non è “prima di tutto un cambiamento morale”, ma “un’esperienza trasformante della grazia di Cristo”, e al tempo stesso “la chiamata ad una nuova missione: quella di annunciare a tutti quel Gesù che prima perseguitava perseguitando i suoi discepoli”.

Siamo tutti chiamati ad annunciare le opere di Dio

Tutti noi credenti in Cristo siamo “chiamati ad annunciare le opere meravigliose di Dio” (cfr 1 Pt 2,9). “Al di là delle differenze che ancora ci separano – ha proseguito il Papa – riconosciamo con gioia che all’origine della vita cristiana c’è sempre una chiamata il cui autore è Dio stesso. Possiamo progredire sulla strada della piena comunione visibile tra i cristiani non solo quando ci avviciniamo gli uni agli altri, ma soprattutto nella misura in cui ci convertiamo al Signore, che per sua grazia ci sceglie e ci chiama ad essere suoi discepoli. E convertirsi significa lasciare che il Signore viva ed operi in noi”. Per questo motivo, quando insieme i cristiani di diverse Chiese ascoltano la Parola di Dio e cercano di metterla in pratica, compiono davvero passi importanti verso l’unità. E non è solo la chiamata che ci unisce; ci accomuna anche la stessa missione: “annunciare a tutti le opere meravigliose di Dio”.

L’unità si fa camminando. La richiesta di perdono di Papa Francesco

L’unità si fa in cammino

“Come San Paolo, e come i fedeli a cui scrive San Pietro, anche noi non possiamo non annunciare l’amore misericordioso che ci ha conquistati e che ci ha trasformati. Mentre siamo in cammino verso la piena comunione tra noi, possiamo già sviluppare molteplici forme di collaborazione, andare insieme e collaborare per favorire la diffusione del Vangelo. E camminando e lavorando insieme, ci rendiamo conto che siamo già uniti nel nome del Signore. L’unità si fa in cammino”.

La richiesta di perdono di Papa Francesco

“In questo Anno giubilare straordinario della Misericordia – ha esortato Papa Francesco – teniamo ben presente che non può esserci autentica ricerca dell’unità dei cristiani senza un pieno affidarsi alla misericordia del Padre”. “Chiediamo anzitutto perdono per il peccato delle nostre divisioni, che sono una ferita aperta nel Corpo di Cristo. Come Vescovo di Roma e Pastore della Chiesa Cattolica, voglio invocare misericordia e perdono per i comportamenti non evangelici tenuti da parte di cattolici nei confronti di cristiani di altre Chiese. Allo stesso tempo, invito tutti i fratelli e le sorelle cattolici a perdonare se, oggi o in passato, hanno subito offese da altri cristiani. Non possiamo cancellare ciò che è stato, ma non vogliamo permettere che il peso delle colpe passate continui ad inquinare i nostri rapporti. La misericordia di Dio rinnoverà le nostre relazioni”.

L’unità si fa camminando. La richiesta di perdono di Papa Francesco

L’ecumenismo del sangue

Papa Francesco ha poi ricordato la preghiera che Gesù Cristo ha rivolto al Padre: “siano una sola cosa […] perché il mondo creda” (Gv 17,21). “L’unità – ha osservato Francesco – è dono della misericordia di Dio Padre. Qui davanti alla tomba di San Paolo, apostolo e martire, custodita in questa splendida Basilica, sentiamo che la nostra umile richiesta è sostenuta dall’intercessione della moltitudine dei martiri cristiani di ieri e di oggi”. “Sostenuti dal loro esempio – ha concluso Papa Francesco – questo esempio che fa proprio l’ecumenismo del sangue, e confortati dalla loro intercessione, rivolgiamo a Dio la nostra umile preghiera”.

Di Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!