Il più bel regalo di Natale

Il più bel regalo di Natale

Download PDF

1510circaDavid_Gerard_Vienna_NativityScrivo queste righe alla Vigilia del Santo Natale 2014. Avvicinandoci alla fine dell’anno viviamo tutti in un momento di grazia: in questi giorni sembra che il cielo si faccia più sottile, e che sia più semplice raggiungere Dio con le nostre preghiere.

Ebbene in questa notte che precede il Natale voglio ringraziare il Signore. Mi piacerebbe che questo mio messaggio, a metà tra una preghiera a Dio ed un augurio a tutti voi che leggete, potesse avere un qualche effetto balsamico sulle vostre sofferenze.
Mi pare di sentire la voce di qualcuno di voi apostrofarmi: “che ne sai tu della sofferenza?”. Ebbene, ora sono qui a ringraziare il Signore, ma fino a pochi anni fa anch’io ero nel tormento e nella sofferenza più buia.  Poi… proprio nel momento peggiore, quando sembrava che non ci fosse più nessuna prospettiva per il futuro ed i pensieri più cupi si facevano strada, è sbocciata la fede. Il dolore mi ha trasformato, la fede mi ha fatto rinascere.

Io ringrazio Dio per la sofferenza, perchè se io non avessi sofferto così tanto, non avrei potuto sperimentare la potenza salvifica del Signore. Il dolore mi ha avvicinato a Dio. Dio ci ama. Oggi sono qui a raccontarvelo ed a scriverlo. Ogni giorno che vivo è un giorno donato da Dio. Io l’ho sperimentato, ma prima di soffrire non me ne rendevo conto. La vita intera con le sue gioie ed i suoi dolori è un dono di Dio.

Il Signore con me usa un sistema per farmelo ricordare: ha messo sulla mia strada tanti fratelli sofferenti. Mai ho incontrato tante persone in difficoltà come in questo periodo. Credo proprio che sia Lui a mandarmeli.

Ebbene, in questa Vigilia di Natale, Ti prego, o mio Dio, sii vicino a tutti i sofferenti, gli ammalati, coloro che hanno perso la speranza, accarezzali, così come hai accarezzato me. Almeno a Natale, Signore, allevia il loro dolore. Manda su di loro il Tuo Spirito. Illumina con una Tua scintilla le loro esistenze, riscalda i loro cuori, così che possano accorgersi anche loro di quanto Tu li ami, così che tutti noi possiamo sentire quanto Tu ci ami.

Facci sentire il Tuo amore, Signore Gesù.

Questa è la mia preghiera, il regalo di Natale che ti chiedo. Il più bel regalo di Natale.

AmenCento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!