Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

Download PDF

Il Pontefice “costruttore di ponti” ha unito con la forza della preghiera i due lati di una delle frontiere più “blindate” del mondo…

Ciudad Juárez è situata all’estremo nord del Messico, lungo il Rio Grande. L’altare è stato costruito ad un’ottantina di metri soltanto dalla recinzione che segna il confine con gli Stati Uniti. Assiepate da entrambi i lati della barriera, centinaia di migliaia di persone hanno potuto assistere alla celebrazione.

Almeno altri 50 mila fedeli si sono raccolti attorno ai maxischermi nello stadio Sun Bowl nella vicina città di El Paso in Texas: “Grazie all’aiuto della tecnologia – ha commentato Francesco – possiamo cantare, pregare e celebrare insieme questo amore misericordioso che il Signore ci dona, e il quale nessuna frontiera potrà impedirci di condividere. Grazie, fratelli e sorelle di El Paso, per farci sentire una sola famiglia e una stessa comunità cristiana!”.

Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

L’omaggio silenzioso

Prima di iniziare la Santa Messa il Papa ha raggiunto la croce nera, che si trova nel punto più vicino al confine. Qui ha deposto un omaggio floreale in memoria dei tanti migranti che hanno perso la vita tentando di scavalcare la barriera: “un passaggio, un cammino carico di terribili ingiustizie: schiavizzati, sequestrati, soggetti a estorsione, molti nostri fratelli sono oggetto di commercio del transito umano”.

Una tragedia che non può essere ignorata

Non possiamo negare la crisi umanitaria che negli ultimi anni ha significato “la migrazione di migliaia di persone, sia in treno, sia in autostrada, sia anche a piedi attraversando centinaia di chilometri per montagne, deserti, strade inospitali”. Questa tragedia umana “che la migrazione forzata rappresenta, al giorno d’oggi è un fenomeno globale”.

Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

Non cifre, ma nomi e volti

Un fenomeno che di solito si misura in cifre ma che Papa Francesco ha voluto ricordare con nomi, storie, famiglie: “Sono fratelli e sorelle che partono spinti dalla povertà e dalla violenza, dal narcotraffico e dal crimine organizzato. A fronte di tanti vuoti legali, si tende una rete che cattura e distrugge sempre i più poveri. Non soffrono soltanto la povertà, ma anche e soprattutto queste forme di violenza”.

Il pensiero di Francesco è andato soprattutto ai giovani, che “come carne da macello”, sono perseguitati e minacciati quando tentano di uscire “dalla spirale della violenza e dall’inferno delle droghe”. “E che dire – ha aggiunto – delle tante donne alle quali con la violenza è stata ingiustamente tolta la vita?”.

Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

Il dono delle lacrime

La liturgia ha proposto il brano biblico del profeta Giona che riuscì a portare al pentimento gli abitanti della città di Ninive, risparmiando così loro il castigo divino. “Piangere per l’ingiustizia piangere per il degrado, piangere per l’oppressione”. Sono le lacrime che possono “aprire la strada alla trasformazione”, “purificare lo sguardo e aiutare a vedere la spirale di peccato in cui molte volte si sta immersi”.

“Chiediamo – ha suggerito il Papa – al nostro Dio il dono della conversione, il dono delle lacrime; chiediamogli di poter avere il cuore aperto. Mai più morte e sfruttamento! C’è sempre tempo per cambiare, c’è sempre una via d’uscita e un’opportunità, c’è sempre tempo per implorare la misericordia del Padre”.

I segnali positivi

Francesco ha elogiato gli sforzi di “tante organizzazioni della società civile in favore dei diritti dei migranti”. “So anche – ha proseguito – del lavoro impegnato di tante sorelle religiose, di religiosi e sacerdoti, di laici che si spendono nell’accompagnamento e nella difesa della vita. Danno aiuto in prima linea rischiando molte volte la propria. Con la loro vita sono profeti di misericordia, sono il cuore comprensivo e i piedi accompagnatori della Chiesa che apre le sue braccia e sostiene”.

Il Papa a Ciudad Juarez: “Mai più morte e sfruttamento!”

Il pastorale, donato dai detenuti

Il pastorale utilizzato da Papa Francesco per la celebrazione è stato intagliato dai detenuti del penitenziario di Ciudad Juárez.  Incontrandoli, in mattinata, Francesco ha voluto celebrare con loro il Giubileo della Misericordia: “Sappiamo che non si può tornare indietro, sappiamo che quel che è fatto è fatto, ma questo non significa che non ci sia una possibilità di scrivere una nuova storia, una nuova storia d’ora in avanti”.

Il Papa si è poi soffermato sul “reinserimento” che “non comincia qui tra queste pareti”, ma  “fuori”, nelle vie della città. La riabilitazione inizia con “la frequenza alla scuola di tutti i nostri figli e con un lavoro degno per le loro famiglie”, creando “spazi pubblici per il tempo libero e la ricreazione”, abilitando “le istanze di partecipazione civica, i servizi sanitari, l’accesso ai servizi basici, per nominare solamente alcune misure”.

L’incontro con il mondo del lavoro

Poco più tardi, davanti al mondo del lavoro, il Papa ha denunciato la mentalità dominante che “pone il flusso di persone al servizio dei flussi di capitale provocando in molti casi lo sfruttamento dei dipendenti come oggetti da usare e gettare e scartare”. (cfr Enc. Laudato si’, 123). “Dio – ha affermato Francesco – chiederà conto agli schiavisti dei nostri giorni, e noi dobbiamo fare tutto il possibile perché queste situazioni non si verifichino più”.

Di Alessandro Ginotta

PER APPROFONDIRE:

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!