Dio vince sul dolore e la morte

Dio vince sul dolore e la morte

Download PDF

Il Pontefice ha celebrato in Piazza San Pietro la Santa Messa per la Canonizzazione dei Beati Stanislao di Gesù Maria Papczyński e Maria Elisabetta Hesselblad.

La Chiesa ha due nuovi santi: il polacco Stanislao di Gesù Maria, fondatore dei Chierici Mariani dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, e la svedese Santa Maria Elisabetta Hasselblad, fondatrice dell’Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida.

Il Papa per la sua omelia ha preso spunto dalle letture del giorno, che ci presentano “due segni prodigiosi di risurrezione”, il primo operato dal profeta Elia, il secondo da Gesù. In entrambi i casi, i morti sono giovanissimi figli di donne vedove, che vengono restituiti vivi alle loro madri.

Dio vince la morte

“La Parola di Dio che abbiamo ascoltato – ha osservato Francesco – ci riconduce all’evento centrale della fede: la vittoria di Dio sul dolore e sulla morte. E’ il Vangelo della speranza che sgorga dal Mistero pasquale di Cristo, che irradia dal suo volto, rivelatore di Dio Padre consolatore degli afflitti. E’ una Parola che ci chiama a rimanere intimamente uniti alla passione del nostro Signore Gesù, perché si mostri in noi la potenza della sua risurrezione”.

In effetti, nella passione di Cristo c’è la risposta di Dio al grido “angosciato, e a volte indignato”, che l’esperienza del dolore e della morte suscita in noi. Si tratta di “non scappare dalla Croce, ma di rimanere lì, come fece la Vergine Madre, che soffrendo insieme a Gesù ricevette la grazia di sperare contro ogni speranza” (cfr Rm 4,18).

Questa è stata anche l’esperienza di Stanislao di Gesù Maria e di Maria Elisabetta Hesselblad, che oggi vengono proclamati santi: “sono rimasti intimamente uniti alla passione di Gesù e in loro si è manifestata la potenza della sua risurrezione”.

Dio vince sul dolore e la morte

L’atteggiamento di Dio davanti alla nostra morte

“La vedova di Sarepta – ha commentato il Santo Padre – una donna non ebrea, che però aveva accolto nella sua casa il profeta Elia, è indignata con il profeta e con Dio perché, proprio mentre Elia era ospite da lei, il suo bambino si era ammalato e adesso era spirato tra le sue braccia”. Allora Elia dice a quella donna: “Dammi tuo figlio” (1 Re 17,19). Questa è una parola-chiave: “esprime l’atteggiamento di Dio di fronte alla nostra morte (in ogni sua forma)”; non dice: “Tienitela, arrangiati!”, ma dice: “Dalla a me”.

E infatti il profeta prende il bambino e lo porta nella stanza superiore, e lì, da solo, nella preghiera, “lotta con Dio”, ponendogli di fronte l’assurdità di quella morte. E il Signore ascoltò la voce di Elia, perché in realtà era Lui, Dio, a parlare e agire nel profeta. Era Lui che, per bocca di Elia, aveva detto alla donna: “Dammi tuo figlio”. E adesso era Lui che lo restituiva vivo alla madre.

Dio vince sul dolore e la morte

Gesù non è un mago

La tenerezza di Dio si rivela pienamente in Gesù. Il Vangelo della domenica (Lc 7,11-17) ci mostra come Lui provò “grande compassione” (v. 13) per quella vedova di Nain, in Galilea, la quale stava accompagnando alla sepoltura il suo unico figlio, ancora adolescente. Ma Gesù “si avvicina, tocca la bara, ferma il corteo funebre, e sicuramente avrà accarezzato il viso bagnato di lacrime di quella povera mamma”. “Non piangere!”, le dice (Lc 7,13). Come se le chiedesse: “Dammi tuo figlio”.

“Gesù chiede per sé la nostra morte, per liberarcene e ridarci la vita”. Infatti quel ragazzo si risvegliò come da un sonno profondo e ricominciò a parlare. E Gesù “lo restituì a sua madre” (v. 15). “Non è un mago! – ha esclamato Francesco – E’ la tenerezza di Dio incarnata, in Lui opera l’immensa compassione del Padre”.

Dio vince sul dolore e la morte

Una risurrezione strana

Una “sorta di risurrezione” è anche quella dell’apostolo Paolo, “che da nemico e feroce persecutore dei cristiani divenne testimone e araldo del Vangelo” (cfr Gal 1,13-17). Questo radicale mutamento non fu opera sua, “ma dono della misericordia di Dio”, che lo “scelse” e lo “chiamò con la sua grazia”, e volle rivelare “in lui” il suo Figlio “perché lo annunciasse in mezzo alle genti” (vv. 15-16). Paolo dice che Dio Padre si compiacque di rivelare il Figlio “non solo a lui, ma in lui”, cioè quasi imprimendo nella sua persona, carne e spirito, la morte e la risurrezione di Cristo. Così l’apostolo “sarà non solo un messaggero, ma anzitutto un testimone”.

E anche con i peccatori, ad uno ad uno “Gesù non cessa di far risplendere la vittoria della grazia che dà vita”. E oggi e tutti i giorni, dice alla Madre Chiesa: “Dammi i tuoi figli”, che siamo tutti noi. “Egli prende su di sé i nostri peccati, li toglie e ci restituisce vivi alla Chiesa stessa. E ciò avviene in modo speciale durante questo Anno Santo della Misericordia”.

La Chiesa oggi ci mostra due suoi figli che sono “testimoni esemplari di questo mistero di risurrezione”. “Entrambi – ha concluso Papa Francesco – possono cantare in eterno, con le parole del Salmista: Hai mutato il mio lamento in danza, Signore, mio Dio, ti renderò grazie per sempre” (Sal 30,12). Il Santo Padre ha poi invitato tutti i fedeli presenti a recitare il ritornello del Salmo responsoriale: “Ti esalterò, Signore, perché mi hai risollevato”.

Dio vince sul dolore e la morte

Il Papa saluta Polonia e Svezia

Da Polonia e Svezia, due paesi che Papa Francesco visiterà nei prossimi mesi, sono giunti anche l’Arcivescovo di Cracovia, Stanislao Dziwisz, il Vescovo di Stoccolma, Anders Arborelius, l’Arcivescovo luterano di Uppsala, Antje Jackelen, il presidente polacco, Andrzej Duda, e il ministro della cultura svedese, Alice Bah Kuhnke. Il Papa ha salutato le Delegazioni Ufficiali ed ha benedetto le due nazioni, come pure “i numerosi gruppi di pellegrini dall’Italia e da diversi Paesi, in particolare i fedeli provenienti dall’Estonia, come pure quelli della diocesi di Bologna e le Bande musicali”.

“Tutti insieme ci rivolgiamo ora in preghiera alla Vergine Maria, perché ci guidi sempre nel cammino della santità e ci sostenga nel costruire giorno per giorno la giustizia e la pace”.

Alessandro Ginotta

Questo articolo è stato pubblicato anche su: LA VOCE DEL TEMPO

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!