Dio guarisce ancora!

Dio guarisce ancora!

Download PDF

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 8,5-17)

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò». Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel Regno dei cieli, mentre i figli del regno saranno cacciati fuori, nelle tenebre, dove sarà pianto e stridore di denti». E Gesù disse al centurione: «Va’, avvenga per te come hai creduto». In quell’istante il suo servo fu guarito.
Entrato nella casa di Pietro, Gesù vide la suocera di lui che era a letto con la febbre. Le toccò la mano e la febbre la lasciò; poi ella si alzò e lo serviva.
Venuta la sera, gli portarono molti indemoniati ed egli scacciò gli spiriti con la parola e guarì tutti i malati, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
“Egli ha preso le nostre infermità
e si è caricato delle malattie”.

Parola del Signore

Gv 12,44-50

Quante guarigioni concentrate in queste poche righe di Vangelo! Il servo del centurione, la suocera di Pietro, indemoniati, malati…

Mettiamoci un istante nei panni dell’evangelista Matteo. Egli vive con Gesù, lo accompagna per le strade polverose, assiste a guarigioni miracolose…

San Matteo conosceva anche le Scritture; chissà quale sensazione avrà provato quando, giorno per giorno le vedeva avverarsi con i propri occhi!

Qui è lo stesso Matteo che cita alcuni versi che il profeta Isaia scrisse oltre sette secoli prima. Sono tratte dal quarto canto del Servo di Jahvè:

Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze,
si è addossato i nostri dolori
e noi lo giudicavamo castigato,
percosso da Dio e umiliato.
Egli è stato trafitto per i nostri delitti,
schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui;
per le sue piaghe noi siamo stati guariti.
Noi tutti eravamo sperduti come un gregge,
ognuno di noi seguiva la sua strada;
il Signore fece ricadere su di lui
l’iniquità di noi tutti” (Isaia 53,4-6).

Come non riconoscere il Messia in queste righe? Oggi vi lascio un “compito a casa”: se vorrete, potrete trovare i quattro canti del Servo di Jahvè nel libro del profeta Isaia, dal capitolo 40 al 55. Vi sorprenderanno!

Gesù dunque si addossa i nostri dolori. Ma Egli non è solo “un guaritore” perchè non si limita a sanare il corpo, ma scende in profondità e guarisce prima l’anima: la libera dal peccato e dall’influenza di Satana. Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati” (Mc 2,5) è questa la prima azione che compie per guarire il paralitico calato dall’alto con il lettuccio. Allo scetticismo degli scribi Gesù replicherà: “Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina?” (Mc 2,9). E poi: “Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, ti ordino – disse al paralitico – alzati, prendi il tuo lettuccio e va’ a casa tua” (Mc 2,10). Rimuovendo il peccato, rimuove anche il male alla radice, per trasformare l’uomo; per renderlo migliore.

E allora, carissimi amici, non resta anche a noi che avere la fede dimostrata dal centurione e chiedere a Gesù di guarirci dai nostri mali. Chi di noi non ha sofferenze fisiche? Chi di noi non soffre anche nello spirito? Il Signore ci può guarire, basta che noi lo vogliamo!

Come ci ha ricordato Papa Francesco all’Udienza Generale di mercoledì 22 giugno 2016, quando ci presentiamo a Gesù non è necessario fare lunghi discorsi. Bastano poche parole, purché accompagnate dalla piena fiducia nella sua onnipotenza e nella sua bontà. E il Papa nella stessa Udienza ci ha anche fatto una confidenza personale: “La sera, prima di andare a letto, io prego questa breve preghiera: Signore, se vuoi, puoi purificarmi!. E prego cinque Padre nostro, uno per ogni piaga di Gesù, perché Gesù ci ha purificato con le piaghe. Ma se questo lo faccio io, potete farlo anche voi, a casa vostra, e dire: Signore, se vuoi, puoi purificarmi! e pensare alle piaghe di Gesù e dire un Padre nostro per ognuna di esse. E Gesù ci ascolta sempre“.

Sì, Gesù ci ascolta sempre! Siamo noi che dobbiamo avere fiducia in lui. Ricordate il centurione? Gesù ha guarito il suo servo: “In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! […]E Gesù disse al centurione: Va’, avvenga per te come hai creduto” (cfr. vv. 10-13). La fede del centurione permette la guarigione a distanza, perchè la fede, sposta anche le montagne!

Cari amici, le domande che oggi vi propongo (e mi propongo) sono: Quando prego e chiedo qualcosa al Signore, lo faccio con fede, oppure la forza della mia preghiera è diluita nel dubbio? Quando verrà il giorno, mi siederò alla mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe, oppure verrò cacciato fuori, nelle tenebre, dove sarà pianto e stridore di denti?  E ancora: cosa mi propongo di fare per non finire nelle tenebre?

Questa notte, Gesù, ti affido tutti i miei amici e le persone che conosco! Fa’ che la loro fede sia sempre grande e guariscili da ogni male fisico e spirituale!

#Santanotte amici miei! 🙂 🙂 🙂

Dio guarisce ancora!
Il dipinto di oggi è “Gesù guarisce la suocera di Pietro” del pittore inglese John Bridges, 1839, olio su tela, 121×173 cm, Birmingham Museum of Art, USA

Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!