Anche tu (se vuoi) puoi essere amico di Gesù

Anche tu (se vuoi) puoi essere amico di Gesù

Download PDF

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15,9-17)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore

Gv 12,44-50

“Non vi chiamo più servi, […] ma vi ho chiamato amici” (v. 15). Essere amici di Gesù! Che bello! Cosa vuol dire essere amico di qualcuno? In questo mondo un po’… distratto… si potrebbe forse pensare che Gesù sia uno dei tanti che troviamo sul nostro account Facebook…

Ma per Gesù l’amicizia è un’altra cosa. E’ un sentimento puro e sincero, disinteressato e profondo. Un amico vero è pronto a fare tutto per te. E’ sempre pronto ad aiutarti, consolarti, soccorrerti nelle difficoltà. Un amico come Gesù, un amico vero, arriva anche a dare la vita per te: Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici” (v. 13).

Voi siete miei amici” (v. 14) E cosa fanno gli amici? Si vogliono bene. Condividono tutto: le gioie, ma anche i dolori, i momenti felici e quelli tristi.

Chi trova un amico trova un tesoro: sembra una “frase fatta”, una di quelle dozzinali che si trovano su internet, ma è la verità. Anzi… è proprio la Bibbia che ha portato questo aforisma nella vita reale: “Un amico fedele è come un rifugio sicuro, e chi lo trova ha trovato un tesoro” (Sir 6,14). Prosegue il Siracide: “Per un amico fedele non c’è prezzo, non c’è misura per il suo valore” (Sir 6,15).

Ma l’amicizia deve essere reciproca. Essere amici di qualcuno implica un po’ “donarsi a lui (o lei)”. E’ un sentimento che non è solo “possesso” dell’altro (o dell’altra) ma è reciprocità: una parte di me vive in te, e una parte di te in me. Amicizia come comunione. Condivisione. Gratuità… tutti sentimenti che devono convivere nell’amicizia perchè questa sia davvero tale.

Gesù è nostro amico. Ci aiuta e ci sostiene in ogni situazione. Non si offende mai per quello che facciamo o diciamo. Quando commettiamo un errore, per grave che sia, Egli è sempre pronto a perdonarci e donarci di nuovo il suo cuore. Anzi, non smette mai di farlo, neppure quando noi ci allontaniamo da Lui. Neppure quando gli chiudiamo la porta in faccia.

Quando noi crediamo che Gesù sia lontano… sbagliamo. Siamo noi che, cadendo nel peccato, ci allontaniamo da Lui. Non è forse vero che, qualche volta, lo vorremmo “chiudere in un armadio”? In modo tale che non ci possa vedere nè sentire quando compiamo il male. Ma Lui, da buon amico, non ci abbandona mai. Non smette di darci buoni consigli (la coscienza) non smette di desiderare con tutto il cuore che noi riconosciamo il nostro errore. Non attende altro che il nostro pentimento per poterci buttare le braccia al collo ed accogliere di nuovo tra i suoi amici più sinceri, dove, in realtà, siamo sempre stati. Perchè c’è sempre posto per noi nel cuore di Gesù!

E allora amici, la domanda di questa sera è: c’è posto per Gesù nel mio cuore? Contraccambio il Suo amore, oppure sono sempre lì a chiedere, chiedere, senza mai voler dare nulla (non parlo di denaro, ma di affetto, di amore verso i fratelli…)? Quanto sono, davvero, amico di Gesù?

Questa notte, Gesù, ti affido tutti i miei amici e le persone che conosco, custodiscili nel Tuo Cuore, dove ci sono i tuoi amici più cari!

#Santanotte amici miei! 🙂 🙂 🙂

Anche tu (se vuoi) puoi essere amico di Gesù

Il dipinto di oggi è “San Francesco abbraccia il Crocifisso”, del pittore spagnolo Francisco Ribalta, 1620, olio su tela, 233×11 cm, Museo delle Belle Arti di Valencia (Spagna).

Alessandro Ginotta

Cento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!