Ad Artena si (ri)aprono le porte della solidarietà

Ad Artena si (ri)aprono le porte della solidarietà

Download PDF

Artena (Roma) – Il 30 Ottobre p.v. sarà una data da ricordare per la Parrocchia Collegiata-Santo Stefano-Santa Croce, ma anche per tutta la città di Artena.

Con una celebrazione presieduta dal nostro Vescovo Mons. Vincenzo Apicella, sarà inaugurata Casa Ismaele, dopo una serie di lavori di ristrutturazione.

Per chi non lo sapesse, Casa Ismaele è una casa di accoglienza in via Giuseppe Garibaldi 1, attigua alla Chiesa del Rosario, che esiste ad Artena dal 2008.

In questi anni ha dato ospitalità a molte persone, che per diversi motivi sono passate per il nostro paese, dove, in un clima di solidarietà, hanno potuto riorganizzare la loro vita, fatta spesso di storie travagliate.

Da quasi tre anni Casa Ismaele è diventata un progetto della Caritas parrocchiale, grazie anche alla sensibilità del parroco don Daniele Valenzi, che, raccogliendo l’invito di chi se ne occupava, ha voluto far proprio questo progetto.

In questi mesi sono stati fatti dei lavori di ristrutturazione per dare un’accoglienza dignitosa a quanti chiederanno di essere aiutati, e la riapertura s’inserisce all’interno dell’Anno Santo straordinario della Misericordia.

 

La parola del Signore Gesù che ci dice “Ero forestiero e mi avete accolto…”, in questo tempo scuote le nostre coscienze e ci sprona ad aprire i nostri cuori a quanti fuggono dai loro Paesi a causa di violenze e privazioni, e la città di Artena negli anni si è sempre dimostrato disponibile all’accoglienza e solidarietà verso chi ne ha avuto bisogno.

Il nostro invito è di continuare a mantenere questo spirito anche verso Casa Ismaele facendo sentire a quanti passeranno per essa di far parte di una grande famiglia, e chiunque volesse collaborare in qualsiasi modo può venire il 30 Ottobre e passare una giornata con noi.

Sarà un piacere conoscervi.

Armando Gentili 

ad Artena (ri)aprono le porte della solidarietàCento giorni con Gesù, Alessandro Ginotta, Tau Editrice

Non un libro da leggere con gli occhi, ma un’esperienza da vivere con il cuore.

Al lettore che sfoglierà questo libro basterà scorrere l'indice per rendersi conto che non si tratta del “solito” commento al Vangelo ma di qualcosa di completamente nuovo per approccio, stile, linguaggio e contenuto. Sai cosa vuole Gesù dalla tua vita? Quante volte ci siamo fatti questa domanda? Perchè la mia preghiera non viene ascoltata? (e perchè non è così). Cento giorni con Gesù è una proposta per aiutarti ad affrontare il futuro in modo migliore, consapevole che nelle difficoltà, ma anche nelle gioie grandi o piccole di ogni giorno, non siamo soli, ma abbiamo al nostro fianco Cristo, che ci sorregge, ci consola, ci perdona, piange con noi e sorride con noi. Perchè vivere bene si può, e con Gesù è meglio!

Vuoi invitarmi nella tua parrocchia?

Alessandro Ginotta
E’ sempre molto bello incontrare gente, poter spezzare la Parola con una lectio, oppure affrontare un tema di attualità alla luce del Vangelo… Parteciperò molto volentieri ed a titolo completamente gratuito ad incontri in Torino e prima cintura. Per trasferimenti più lunghi parliamone:
alessandro.ginotta@labuonaparola.it

Puoi contattarmi così:

Potresti aiutarmi con una piccola donazione?

Perchè donare? Perchè il blog La buona Parola non é finanziato da alcuna istituzione, né ecclesiale né governativa, ma sopravvive soltanto grazie alle donazioni dei lettori. Perciò ho bisogno anche del tuo aiuto per coprire i costi del server, dei servizi e delle attività che svolgo.
Grazie, grazie di cuore!